Vaccino Covid, allerta in Gran Bretagna: stop per chi ha reazioni allergiche

0

Vaccino Covid, in Gran Bretagna è allerta per chi ha reazioni allergiche a cibo o medicine. La Mhra ne ha diramato lo stop per i più a rischio

covid vaccino
Vaccino Covid, primi problemi in Gran Bretagna (Foto: Getty)

Ieri è stata una giornata storica per quanto riguarda la lotta al Covid. In Gran Bretagna si è partiti con le prime vaccinazioni, lanciando un importante segnale di svolta. Altre aziende farmaceutiche stanno aspettando l’autorizzazione al commercio da parte degli enti che se ne occupano, così da poter iniziare a distribuire le proprie dosi.

Con le prime iniezioni, sono però sorti anche i primi problemi. Nello specifico, l’autorità britannica di regolamentazione del farmaco in Gran Bretagna (Mhra) ha diramato un’allerta per tutti coloro che già hanno avuto a che fare con reazioni allergiche a cibo, medicine o vaccini. A queste persone non potrà essere somministrato il vaccino anti Covid Pfizer/BioNTech.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, Ilaria Capua: “Gennaio e febbraio saranno mesi terribili”

Vaccino Covid, stop per chi ha reazioni allergiche: i dettagli

Vaccino Covid
Stop per chi ha già avuto reazioni allergiche in passato (Foto: Getty)

È allerta in Gran Bretagna. Dopo le prime vaccinazioni anti Covid, due operatori del sistema sanitario nazionale britannico hanno segnalato alcune reazioni avverse. Entrambi avevano avuto a che fare in passato con: “Una storia significativa di allergie“, fa sapere Adnkronos. A tal proposito, è intervenuto il direttore del Sistema nazionale britannico Stephen Powis. “Come spesso accade con i nuovi vaccini, l’Mhra ha invitato tutti coloro che hanno avuto reazioni allergiche in passato a non ricevere per il momento il vaccino anti Covidle sue parole.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Conte: “Maggioranza sia coesa per l’Ue”. Iv firma risoluzione Mes – VIDEO

Lo stesso Powis ha fatto poi sapere che entrambi gli operatori sanitari si stanno comunque riprendendo nel migliore dei modi, senza aver segnalato particolari conseguenze alla somministrazione. Nelle prossime settimane arriveranno maggiori novità a riguardo, forse direttamente dall’azienda Pfizer.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui