Mes, Conte sicuro: “Il Governo non cadrà, la riforma sarà approvata”

0

Il premier Giuseppe Conte resta fiducioso sul Mes. Infatti per il Presidente del Consiglio la riforma verrà approvata a breve.

Mes Conte
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte (Getty Images)

Continua a suscitare non poche tensioni la vicenda Mes, con il Governo pronto ad approvarlo ed il Movimento 5 Stelle pronto ad opporsi. In molti, infatti, hanno ipotizzato una possibile caduta del Governo proprio a causa della vicenda sul Meccanismo Europeo di Stabilità, che non ha trovato d’accordo la maggioranza. Ma il premier Conte non ha dubbi sul Mes ed è pronto a lottare per l’approvazione.

Nelle sue ultime dichiarazioni, infatti, si legge: “Siamo in guerra con il virus ma ora inizia la ricostruzione nel segno dell’Europa e sarà il mio governo a guidarla perché non cadrò sul Mes“. Conte ha infatti ribadito che il suo è un governo europeista ed è pronto a rivoluzionare il paese nel segno di Recovery Fund e Mes, insieme a Berlino e Parigi. Per questo motivo il premier non teme il voto del 9 dicembre, visto che i pentastellati stanno completando la loro rivoluzione pro-Ue.

Fondamentale sarà anche la giornata di lunedì, con i ministri che si riuniranno per approvare il budget del Recovery Fund. Inoltre nella stessa giornata saranno discussi circa sessanta progetti che verranno racchiusi in 16 clusters. Andiamo quindi a vedere perchè sarà importantissima la giornata di lunedì per il futuro del paese.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Pfizer, i volontari testimoniano: “Attivo dopo 28 giorni”

Mes, Conte non ha dubbi: “Approveremo anche la struttura di governance”

Mes Conte
Il Presidente del Consiglio spiega cosa succederà lunedì (Screenshot)

Ma il premier Giuseppe Conte si è soffermato soprattutto sulla giornata di lunedì affermando che verrà approvata anche la struttura di governance con il coordinamento della Presidenza del Consiglio per ragioni di equilibrio, ma soprattutto di efficenza. Come richiesto dalla Commissione Europea, infatti, ci sarà anche un comitato ristretto deputato a vigilare con costanza tutta la fase attuativa.

Faranno parte di questo comitato lo stesso premier Conte ed il Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. I due infatti dovranno essere responsabili nel conferire periodicamente al Ciae e al Parlamento. Mentre invece la supervisione e tecnica dell’attuazione sarà affidata a sei manager affiancati da uno staff dotato delle necessarie competenze professionali. Questi manager potranno essere chiamati a intervenire con poteri sostitutivi per evitare ritardi e perdite di risorse.

Per Conte le tensioni con i pentastellati non sono un problema. Infatti stando alle parole del presidente, questo Governo potrà essere protagonista in Europa e questo favorirà la coesione tra le forze politiche. Infatti per il premier queste tensioni potrebbero essere suscitate anche dal dibattito interno riguardante il caldo tema del Mes, ma al momento Conte resta fiducioso, convinto che il M5S possa dare un contributo critico al miglioramento dell’Europa.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Brasile, bus precipita da un viadotto: almeno 16 morti e 27 feriti

L.P.

Per altre notizie di Politica, CLICCA QUI !

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui