Marc Marquez operato di nuovo: i tempi di recupero

0

Marc Marquez operato di nuovo al braccio destro in una clinica di Madrid: i tempi di recupero si annunciano lunghi

Marc Marquez
MotoGP, Marquez si è operato di nuovo: futuro a rischio (Getty Images)

L’unico modo per provare a guarire? Una nuova operazione al braccio destro e così oggi Marc Marquez ha affrontato un nuovo intervento all’omero in una nota clinica di Madrid. per la terza volta il camèpione spagnolo, che non ha potuto difendere il suo titolo in MotoGP è finito sotto i ferri e ora affronterà la convalescenza.

Secondo le prime informazioni l’intervento, durato più di 10 ore, dsarebbe terminato soltanto pochi minuti fa. E come ha riferito l’emittente spagnola Antena 3 a Marquez sarebbe anche stato trapiantato un osso. Un intervento doveroso perché i primi due non avevano risolto il problema causato dalla caduta a Jerez, anche per la fretta del pilota di voler tornare subito in pista.

In pratica l’osso aveva fatto fatica a saldarsi e la manuaità dell’arto era decisamente inferiore a quello che sarebbe stato lecito aspettarsi. Così la decisione di sottoporsi ad una terza operazione ma i tempi di recupero potrebbero essere lunghi. Le prime indiscrezioni parlano di almeno sei mesi e quindi se tutto andrà bene di un rientro ai primi di maggioc con il rischio concreto di perdere almeno le prime 2 o 3 gare stagionali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> MotoGP, Marquez si opera di nuovo: a rischio altro stop

Marquez, un calvario òlungo sei mesi e iniziato con l’incidente a Jerez

Marc Marquez era caduto rovinosamente il 19 luglio 2020 durante il GP di Jerez, prima gara del Mondiale 2020. Stava risalendo il gruppo dopo un errore nei primi giri, ma all’uscita da ujna curva è stato sbalzato dalla sua Honda fiunendo nella ghiaia. Nel, volo si è infortunato al braccio destro e la prima diagnosi, poi confermata in ospedale, è di frattura all’omero del braccio destro.

motogp jerez
Brutto incidente per Marquez, mnpon ha ancora recuperato (Getty Images)

Così il campione del mondo affronta una prima operazione il 21 luglio e visto che il nervo radiale non è stato interessato, quindi la mobilità della mano non è a rischio, semnbra pronto per tornare a breve. Lo garantisce anche il professor Mir (omonimo per ironia del destino di chi avrebbe poi vinto il Mondiale) che inserisce una placca per ridurre le fratture all’omero.

Il 25 luglio Marquez ottiene  l’idoneità dei medici e torna a correre nel secondo appuntamento consecutivo in programma a Jerez. Due turni di prove Libere, un gran dolore, ma durante le Qualifiche decide di fermarsi saltando un Gran Premio per la prima volta dopo sette anni.

Il 3 agosto nuova operazione per sostituire la placca in titanio usata per ridurre la frattura all’omero del braccio destro e danneggiata dall’eccessivo stress accumulato in quei giri di pista. Ma solo tre giorni dopo il team manager della Honda, Alberto Puig, spiega il vero motivop che ha portato alla rottura della placca, cioè un incidente domestico. Marc stava aprendo una finestra con il braccio destro che ha ceduto. Da lì in poi il pilota ha fatto solo da spettarore e adesso spera di recuperare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui