Interpol, organizzazioni criminali pronte a infiltrarsi nel business dei vaccini

0

Coronavirus, l’Interpol ha rilasciato un comunicato in cui avverte che le organizzazioni criminale vogliono entrare nel business dei vaccini. 

Getty Images

Le organizzazioni criminali stanno pianificando di “infiltrarsi” nel business dei vaccini contro il coronavirus.

A lanciare questo avvertimento è stato Juergen Stock, segretario generale dell’Interpol: “Mentre i governi si preparano a lanciare i vaccini, le organizzazioni criminali stanno pianificando di infiltrarsi o interrompere le catene di approvvigionamento. Le reti criminali prenderanno di mira anche ignari membri del pubblico tramite falsi siti web e false cure, che potrebbero rappresentare un rischio significativo per la loro salute, anche per le loro vite ”. Una segnalazione per certi versi prevedibile, considerate che dovunque ci sia la possibilità di poter speculare sugli altri e ottenere grandi guadagni, le organizzazioni criminale cercano sempre di mettere il loro zampino. 

Leggi anche: Vaccino Covid, Locatelli sicuro: “Campagna di massa finirà in estate”

Coronavirus, Speranza: “Il vaccino sarà gratuito”

Getty Images

Le prime dosi del vaccino contro il coronavirus dovrebbero arrivare il prossimo anno. Al momento i farmaci che hanno dato dei riscontri positivi nella lotto contro il virus sono principalmente due, ovvero quelli annunciati da Pfizer e Moderna. Nella distribuzione verrà data priorità al personale medico e alle categorie considerate più a rischio er poi passare al resto della popolazione. Ma il vaccino sarà a pagamento? A chiarire la questione è stato il Ministro della Salute Roberto Speranza: sarà gratuito, non obbligatorio e distribuito a tutta la popolazione senza alcuna discriminazione. Sarà una campagna massiccia che partirà con il nuovo anno. Abbiamo opzionato 202 milioni e 573mila dosi di vaccino, così da vaccinare tutta la popolazione, visto che serviranno due punture per ogni persona. L’Italia ha sottoscritto un contratto per il 13% di tutte le dosi spettanti all’Europa. L’obiettivo è vaccinare tutti entro la fine del 2021, raggiungendo l’immunità di gregge“.

Leggi anche: Covid, Ippolito: “Chi è stato già contagiato non deve fare il vaccino”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui