Como, tre bambini ricoverati con sindrome di Kawasaki legata al covid

0

Tre bambini rispettivamente di 5, 3 e 2 anni sono stati ricoverati in ospedale a causa della sindrome di Kawasaki legata al coronavirus. 

Coronavirus Roma
Coronavirus (Foto: Getty)

Tre bambini di Como sono stati ricoverati in ospedale con sintomi riconducibili alla sindrome di Kawasaki. Si tratta di una patologia infiammatoria che colpisce i vasi sanguigni e generalmente colpisce i bambini di età inferiore ai cinque anni. I sintomi più comuni sono febbre alta che perdura da più di tre giorni, congiuntivite, eruzioni cutanee, gonfiore e arrossamento delle mani e dei piedi.

Secondo gli ultimi studi lo sviluppo di tale sindrome potrebbe essere causata da una reazione immunitaria eccessiva ad un’infezione come il coronavirus. A ipotizzare tale scenario è stato un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet dalla Pediatria dell’ospedale di Bergamo sul legame tra Covid-19 e la malattia di Kawasaki.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Como, tre bambini ricoverati con sindrome di Kawasaki legata al covid

Ambulanza Covid
Ospedale (Foto: Getty)

Tre bambini rispettivamente di cinque, tre e due anni sono stati ricoverati nelle scorse ore all’ospedale Sant’Anna di San Fermo dopo aver contratto la sindrome di Kawasaki, questa correlata al coronavirus.

Per due dei tre piccoli si è reso necessario il trasferimento nelle terapie intensive pediatriche di Bergamo, ospedale Papa Giovanni XXIII, e di Milano, ospedale Buzzi, in seguito all’aggravarsi dell’infiammazione del tessuto cardiaco (miocardite). Il terzo bimbo è tuttora ricoverato al Sant’Anna dove si stanno ultimando i necessari accertamenti.

“Nessuna paura e nessun allarme”, annuncia il primario della Pediatria del Sant’Anna, Angelo Selicorni. “I genitori devono essere attenti a monitorare una serie di campanelli d’allarme che i pediatri di famiglia ben conoscono”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui