Covid-19, Locatelli: “800mila vaccini, ecco come procederemo”

0

Sempre più vicini al vaccino contro il Covid-19, Franco Locatelli spiega il piano in Italia e parla delle festività natalizie

Locatelli commenta il vaccino
Pfizer via Getty Images

Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità è tornato a parlare a Il Fatto Quotidiano, a ridosso della scadenza del DPCM del 4 novembre e con i nuovi vaccini presto sul mercato. “In Italia potremmo cominciare a gennaio con la campagna d’immunizzazione con il vaccino di Pfizer, manca solo l’autorizzazione di Fda (Food and Drug Administration, ente governativo americano) ed Ema (agenzia europea per i medicinali)”.

LEGGI ANCHE > > > Covid, per Natale è corsa al tampone rapido: migliaia di prenotazioni

Siamo consapevoli ci sia molta attesa, un vaccino addirittura sembra conferire immunità sterilizzante: impedirebbe il contagio. Ovviamente abbiamo già un piano di distribuzione e pianificazione che Speranza presenterà il 2 dicembre in Parlamento“. Tuttavia, ha specificato Locatelli: “È impensabile che le farmacie vengano coinvolte, i criocontenitori saranno disponibili solo in alcuni punti ospedalieri concordati con le Regioni”. C’è anche un ordine in cui verranno effettuati i vaccini, chiaramente non disponibili per tutti, inizialmente: “Priorità agli operatori sanitari e sotto-sanitari: 800 mila persone. Poi gli anziani delle Rsa e gli over 80”.

Covid-19, Locatelli spiega come comportarsi per le feste di Natale

coronavirus locatelli
Coronavirus, le parole del presidente Franco Locatelli (Foto: Facebook)

Un tema scottante di questi giorni sono le festività di Natale che gli italiani, in genere, passano in compagnia. Quest’anno, con ogni probabilità, il cenone sarà diverso. Lo stesso Franco Locatelli, ritiene utile che a tavola ci siano non più di 6 persone. “È bene dimenticarsi veglioni, feste in piazza o altre usanze del genere, altrimenti non solo siamo di nuovo punto e a capo, ma probabilmente anche peggio”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus, la strana teoria: “Tutta colpa del Nord”

“Per quanto riguarda gli impianti sciistici” – commenta Locatelli – “non esistono le condizioni epidemiologiche per consentire la riapertura, valuteremo a gennaio e febbraio”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui