Coronavirus, la strana teoria: “Tutta colpa del Nord”

0

Coronavirus, la strana teoria sulla diffusione mondiale del virus: secondo uno scienziato tedesco sarebbe partito dal Nord Italia

No all'immunità di gregge
Coronavirus, la stana teoria sulla pamndemia dal Nord Italia  (Getty Images)

Sulle origini della pandemia da Coronavirus sono quasi tutti concordi, è partito dalla Cina prima di diffondersi nel mondo. Almeno è quello che abbiamo creduto fino ad oggi perché il noto virologo tedesco Alexander Kekulé ha una sua teoria che ribalta tutto. Chiama in cauisa l’Italia e in particolare le regioni del Nord da dove sarebbe partito il vero contagio.

Il dottor Kekulé ha scritto tutto in un libro, ‘The Corona Compass’, e poi ha raccontato la sua teoria in un talk show della rete tedesca. “Il 99,5% di tutti i casi nel mondo può essere collegato geneticamente al virus del Nord Italia. Anche i casi attuali in Cina sono importazioni dall’Europa e dal resto del mondo”.

Lo scienziato ha puntato il dito sul fatto che in giro ci sarebbero più ceppi di Coronavirus. Mala vera pandemia sarebbe stata origjnata dalla mutazione genetica partita dalle regioni del nord, in particolare Veneto e Lombardia. Un ceppo molto più virulento e mortakle rispetto a quello che era stato sviluppato in Cina a Wuhan e zone limitrofe.

La colpa dell’Italia secondo lui sarebbe chiara: “A Wuhan ancora non sapevano di cosa si trattava. Nel Nord Italia c’erano già state avvisaglie da parte di Pechino, ma sono state ignorate per troppo tempo”. Inoltre in Cina il virus originale sarebbe stato stoppato quasi subito con interventi mirati. Poteva succedere anche in Italia ma non sarebbero state adottare le contromisure giuste.

Lo scienziato tedesco Alexander Kekulè (screenshot tv)

Una superficialità tutta italiana, con il governo che avrebbe ignorato gli avvertimenti arrivati dalla Cina senza prendere le adeguate contromisure. Ma alle sue dichiarazioni, il dottor Kekulé non ha allegato dati precisi e soprattutto non c’era un contraddittorio. Qiundi prendiamole con beneficio d’inventario.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui