Covid-19, Governo russo: “Vaccinazione di massa da fine 2020” 

0

Covid-19, pronta la vaccinazione di massa in Russia. Ad annunciarlo è lo stesso governo attraverso la figura di Dmitri Peskov. Si parte da fine 2020. 

sileri coronavirus
 (Foto: Getty)

La Russia, col suo Sputnik V, si dice pronta alla vaccinazione di massa contro il Covid-19. A confermarlo è Dmitri Peskov, portavoce del presidente Vladimir Putin. E i tempi sarebbero brevissimi. “Entro la fine dell’anno”, precisamente. Dunque a partire da quest’ultimo mese con cui ci metteremo alle spalle un 2020 da incubo, sperando poi in un 2021 decisamente più roseo.

Vaccino Covid
(Foto: Getty)

Covid-19, pronta la vaccinazione di massa in Russia

Come spiega il referente citato dall’agenzia Interfax, la procedura avverrebbe a fasi e il farmaco sarà somministrato solo e unicamente su base volontaria. “Non posso dire la data esatta – riferisce Peskov -, ma si dovrebbe iniziare al massimo prima dell’ultimo giorno di quest’anno”. Il prodotto dovrebbe essere gratuito per tutti i cittadini russi, mentre costerebbe attorno ai 10 dollari a dose per il mercato internazionale.

Potrebbe interessarti anche —-> Covid, Crisanti: “Abbiamo superato il picco, ma aspettiamoci altri morti”

“Possiamo già contare sulla produzione industriale di questo vaccino in forma secca, il quale sarà utilizzabile e distribuibile a una temperatura compresa tra i +2 e +8 gradi Celsius). Tutto ciò renderà molto semplice trasporto e logistica”, ha annunciato il governo russo nelle ultime ore. La dose, secondo l’istituto statale Gamaleya Institute di Mosca, avrebbe un’efficacia superiore al 95%. Ma continuano ad essere tantissime le perplessità nel mondo sulla reale efficacia di un medicinale prodotto in tempi brevissimi e senza tutti gli opportuni passaggi.

Per quanto riguarda invece l’Italia, proprio oggi è giunto un importante annuncio del vice ministro Pierpaolo Sileri: “Credo che auspicabilmente a gennaio inizieremo con i vaccini. Il nostro obiettivo è quello di fornire dosi per un numero compreso tra i 6 e i 10 milioni di cittadini nel giro di 3 mesi. Dopo la prima vaccinazione, ce ne sarà una seconda di richiamo”. Nel nostro caso, ovviamente, non si tratterebbe dello Sputnik V ma del vaccino della Pfizer e dell’AstraZeneca.

Leggi anche —-> Germania, l’annuncio della Merkel: “Il vaccino in arrivo prima di Natale”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui