Covid, la Bulgaria in emergenza: nuove restrizioni fino a Natale

0

Covid, la Bulgaria in emergenza: nuove restrizioni fino a Natale. Il governo ha prorogato fino a gennaio lo stato di allerta per l’epidemia di coronavirus

Bulgaria Covid
Covid, la Bulgaria in emergenza: nuove restrizioni fino a Natale (Foto: Getty)

La Bulgaria ha dichiarato nella mattinata di mercoledì che prenderà nuove misure per contrastare la seconda ondata di coronavirus, che sta colpendo pesantemente il Paese in queste settimane. Rimarranno chiuse scuole, ristoranti, centri commerciali e palestre fino al 21 dicembre, con la speranza di registrare un alleggerimento sulla pressione sanitaria insostenibile. Le restrizioni entreranno in vigore nella giornata di venerdì 27 novembre. 

È stato dimostrato che solo una cosa ha un impatto positivo sul Covid-19: la diminuzione dei contatti sociali o la quarantena. Per alleviare la pressione sugli ospedali che sono sull’orlo del baratro, stiamo introducendo ulteriori misure per tre settimane“, ha detto il primo ministro Boyko Borissov.

Come gran parte dell’Europa centrale e orientale, la Bulgaria ha resistito relativamente bene alla prima ondata della pandemia in primavera, ma i casi sono aumentati in tutta la regione questo autunno.

Oggi il Paese dell’Est Europa ha registrato 4.382 nuovi contagi, portando il numero totale a 129.348.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Scozia, approvato il provvedimento: garantirà assorbenti gratis

Covid, la Bulgaria in emergenza: nuove restrizioni fino a Natale

Nuove misure governo bulgaro
Covid, la Bulgaria in emergenza: nuove restrizioni fino a Natale (Foto: Getty)

Allo stato attuale delle cose, in Bulgaria circa 6.365 persone sono in ospedale e circa 400 di loro sono in terapia intensiva. 

I decessi con il coronavirus in Bulgaria ogni 100.000 persone sono stati i terzi più alti nell’Unione europea negli ultimi 14 giorni. Percentuali più alte si sono registrate solo in  Belgio e Repubblica Ceca. Il totale delle vittime è di 3.226 persone dall’inizio del 2020.

Le restrizioni sono necessarie per limitare la diffusione dell’infezione, diminuire il numero di vittime e consentire a ogni famiglia bulgara di festeggiare il Natale“, ha detto ai giornalisti l’ispettore capo della salute Angel Kunchev.

Diverse centinaia di bulgari hanno protestato mercoledì contro le nuove misure e hanno chiesto le dimissioni del governo. Le accuse riguardano la mancata riforma del sistema sanitario e scolastico a causa della diffusa corruzione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Usa, Biden si prepara alla presidenza: “Non sarà terzo mandato Obama”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui