Bankitalia: “La ripresa sarà più lenta del previsto”

0

Eugenio Gaiotti di Bankitalia, durante un’audizione a Camera e Senato ha affermato che la ripresa nel 2021 sarà più lenta del previsto

Getty Images

A causa della seconda ondata di contagi e delle conseguenti misure restrittive imposte dal governo per contenere la diffusione del coronavirus, la ripresa per il 2021 sarà più lenta e incerta del previsto. Queste le dichiarazioni di Eugenio Gallotti, a capo del dipartimento di Economia e Statistica della Banca d’Italia, nel corso di un’audizione che si è tenuta presso le commissioni di Bilancio di Camera e Senato. Gaiotti ha infatti spiegato che per quanto riguardo l’ultimo trimestre di quest’anno è plausibile una flessione del Pil anche se più contenuta rispetto alla primavera. È probabile che il risultato per l’anno risulti comunque in linea con quanto prefigurato in ottobre. L’entità dell’effetto macroeconomico dei progetti di investimento e di riforma dipenderà soprattutto dalla loro definizione concreta nell’ambito del Piano nazionale di rilancio e resilienza e dalla loro attuazione tempestiva. Andrà posta grande attenzione alla fase esecutiva, precisando i dettagli ed evitando sprechi, ritardi e inefficienze. Come abbiamo sottolineato più volte, il programma Next Generation EU è un’occasione da non perdere per rilanciare la crescita e la produttività dell’economia italiana”.

Leggi anche: Coronavirus, Miozzo (Cts): “Feste di Natale rischiose, dobbiamo esserne consapevoli”

Sicilia, ispettori del Ministero arrivati sull’isola

Getty Images

Intanto in Sicilia nella giornata di oggi, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha inviato degli ispettori nella Regione dopo la diffusione dell’audio WhatsApp di un importante funzionare dell’isola, che ha immediatamente scatenato il sospetto che i numeri delle terapie intensive fosse truccati per evitare che la regione finisse classificata come zona rossa. La prima tappa è stata Catania. Naturalmente, non è ancora dato conoscere i risultati dell’ispezione, anche se il Commissario per l’emergenza coronavirus della città etnea ha dichiarato che non vi è nulla da preoccuparsi, in quanto l’emergenza viene gestita nel rispetto delle regole vigenti.

Leggi anche: Conte: “Vaccino non obbligatorio, scuole aperte prima di Natale”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui