USA, via libera della FDA alla terapia Regeneron: la cura contro il Covid

0

USA, via libera della FDA alla terapia Regeneron: la cura contro il Covid sarà distribuita nelle prime 30mila dosi a partire da martedì

Regeneron
USA, la FDA approva la terapia Regeneron: la cura per il Covid (Foto: Getty)

La Food and Drug Administration (FDA) ha autorizzato l’uso della terapia Regeneron, la cura per il Covid a base di anticorpi. Il trattamento era diventato famoso dopo che a ottobre il presidente Donald Trump ne aveva subito i benefici per neutralizzare il proprio contagio da SarsCov2.

La società produttrice di Regeneron ha presentato una domanda per uso di emergenza il mese scorso, dopo che gli studi preclinici hanno dimostrato che la terapia riduceva la quantità di virus e il danno associato nei polmoni dei primati non umani. L’azienda ha affermato che la portata maggiore del farmaco è sui pazienti con sintomi leggeri o medi. 

La FDA resta impegnata a promuovere la salute pubblica della nazione durante questa pandemia senza precedenti. Autorizzare queste terapie con anticorpi monoclonali può aiutare i pazienti ambulatoriali a evitare il ricovero in ospedale. Questo può alleviare il carico sul nostro sistema sanitario”, ha affermato il commissario della FDA Stephen M. Hahn.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, quello di Oxford efficace al 70%: tra gioia e delusione

USA, via libera della FDA alla terapia Regeneron: fu utilizzata da Trump ad ottobre

covid FDA
USA, via libera della FDA alla terapia Regeneron: la cura contro il Covid (Foto: Getty)

La terapia di Regeneron fa parte di una classe di trattamenti noti come anticorpi monoclonali, che agiscono come cellule immunitarie per ridurre l’infezione. Dopo la guarigione sorprendente di Trump, il trattamento ha subito una grande pubblicità a livello internazionale. Tuttavia il CEO di Regeneron, il dottor Leonard Schleifer, ha sottolineato che erano necessari ulteriori test.

L’autorizzazione della FDA arrivata oggi, riguarda solo per le persone con sintomi da lievi a moderati. I funzionari hanno infatti specificato che il trattamento non dovrebbe essere usato per i pazienti ospedalizzati perché non ci sono dati per dimostrare che il farmaco è utile in quella fase della malattia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, nuovo farmaco: al via la sperimentazione su 2000 pazienti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui