Ibrahimovic si scaglia contro la EA Sports: il motivo

0

Ibrahimovic si scaglia contro la EA Sports: i creatori di FIFA utilizzerebbero la “faccia” del campione del Milan senza il suo assenso

Ibra
Ibrahimovic si scaglia contro la EA Sports: il motivo (Foto: Getty)

Zlatan Ibrahimovic è il principale trascinatore del Milan in questa straordinaria prima parte di stagione. Da gennaio ad oggi i rossoneri sono diventati la squadra da battere, con un ruolino da primatista assoluta e con il numero 11 a segno ben 10 volte in questo primo scorcio di campionato. Un leader seguito da tutti a Milanello e in grado di trasformare il volto di un club che sembrava allo sbando solo 12 mesi fa. L’arrivo di Pioli e l’addio di Giampaolo il primo passo della rinascita, culminata con il ritorno del fuoriclasse svedese.

Ora dopo la fantastica doppietta di ieri sera contro il Napoli, Ibra deve fare i conti con un infortunio muscolare che lo terrà fuori per almeno un paio di settimane. Ma le cose negative non finiscono qui e riguardano anche aspetti fuori dal campo. Si perchè nelle ultime ore è arrivato un messaggio su Twitter dove il centravanti se la prende con i produttori del famoso videogioco Fifa, ovvero la EA Sports.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Infortunio Ibrahimovic, cattive notizie: i tempi di recupero

Ibrahimovic si scaglia contro la EA Sports: “Fanno i soldi con la mia faccia”

Zlatan Ibrahimovic
Ibrahimovic si scaglia contro la EA Sports: il motivo (Foto: Getty)

Zlatan Ibrahimovic si è scagliato contro la EA Sports, con il videogame Fifa e con Fifpro, il sindacato internazionale dei calciatori. Il numero 11 ha spiegato il motivo attraverso un post su Twitter.

Chi ha concesso a FIFA EA Sports il permesso di usare il mio nome e la mia faccia? Fifpro? Non sono a conoscenza di essere un membro di Fifpro e nel caso fossi stato inserito nella lista, il tutto è stato fatto a mia insaputa. E di sicuro non ho mai permesso a @Fifa o Fifpro di fare soldi usando me“, le parole di Ibrahimovic.

Poi aggiunge: “Qualcuno sta facendo profitto sul mio nome e sulla mia faccia senza alcun accordo in tutti questi anni. È ora di indagare“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Stadi aperti in Inghilterra, migliaia di spettatori permessi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui