Berlusconi, riunione con i coordinatori FI dopo fuoriuscita dissidenti

0
11

Berlusconi ha organizzato una riunione venerdì scorso, per esporre i nuovi obiettivi politici del partito e l’amarezza per coloro che sono passati alle Lega in questi giorni. 

Getty Images

Le incomprensioni tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi sembrano rientrate, dopo l’ira dell’ex premier per il passaggio alla Lega di alcuni esponenti del suo partito. A riferirlo è il Messaggero che ha raccontato come la reazione di Berlusconi appresa la notizia, sia stata quella di organizzare una riunione nella giornata di venerdì 2 Novembre, in cui ha discusso con i coordinatori politici delle varie città. Un’occasione per il cavaliere per rilanciare le sue ambizioni, considerato anche che ai presenti ha spiegato che il vero obiettivo di Forza Italia è quello di ritornare entro due anni ad essere il partito più votato d’Italia. Un traguardo che però può essere raggiunto soltanto se tutti credono nel suo progetto: Io vado avanti per la mia strada, chi non si sente parte di questo progetto può anche andare via”. Parole che lasciano ben intravedere la sua amarezza per i tre parlamentari che hanno lasciato il partito, tra cui anche Laura Ravetto, da sempre al fianco del Cavaliere nelle sue battaglie politiche. Motivo per cui, il vero diktat di Berlusconi è stato un invito a lasciare adesso Forza Italia se la ritengono una scommessa persa in partenza. 

Leggi anche: Covid Natale, il Governo conferma linea prudente: “Solo con le famiglie”

Coronavirus, Cts prende le distanze da Crisanti

Getty Images

Hanno fatto molto discutere in questi giorni le dichiarazioni sui vaccini di Andrea Crisanti, che in un’intervista ha messo in dubbio la sicurezza e la regolarità di quelli annunciati da Moderna e Pfizer. Frasi che però non sono per nulla piaciute al Comitato Tecnico Scientifico che in una nota pubblicata ha preso le distanze dalle sue affermazioni definendole inoltre inopportune e da censurare. Duro anche il commento del direttore dell’AIFA Magrini, che ha chiesto delle pubbliche scuse da parte del medico. Una polemica che non accenna dunque a spegnersi e che ha costretto Crisanti a fare una parziale marcia indietro con le sue parole.

Leggi anche: Covid, Zaia: “Numeri in miglioramento, ma mangeremo panettone da soli”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui