Morta Jan Morris, dalla scalata all’Everest alla lotta per i diritti

0

Morta Jan Morris: giornalista, scrittrice e storica gallese, protagonista di una storica dalla scalata all’Everest. Dagli anni ’70 era diventato donna

Jan Morris è morta a 94 anni (Getty Images)

Il mondo della cultura britannico è in lutto per la morte a 94 anni di Jan Morris che è stata giornalista ma anche scrittrice e storica molto apprezzata. Il suo nome è strettamente collegato alla prima storica conquista dell’Everest nel 1953 seguita come inviata del ‘Times’. Ma anche per la sua battaglia a cominciare dagli anni ’70 per i diritti dei transgender.

Jan infatti era nata in Galles come James. A 17 anni si era arruolato e terminata la guerra aveva cominciato la sua carriera come giornalista. La prima  svolta nel 1953 quando lavorava per il prestigioso ‘Times’. Riuscì a farse mandare come inviato per docoumengtare la prima scalata dell’Everest nella spedizion e orgamnizzata e guidata da Edmund Hillary.

Quindi fu lui il primo ad annunciare al mondo che la vetta del monte più alto sulla Terra era stata conquistata. Una notizia che per un curioso gioco del destino era arrivata nel giormo dell’incoronazione della Regina Elisabetta II.

Successivamente era anche stato corrispondente per altre situazioni delicate, come la crisi tra Israele ed Egitto per il Canale di Suez. Ma in quella occasione lavorava già per il Manchester Guardian quello che oggi è solo The Guardian). Da lì in poi ha alternato la carriera di giornalista a quella di scrittori, con numerosi libri di viaggi ma anche un’apprezzatissima opera storica sull’impero, dal titolo ‘Pax Britannica’.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lutto nel giornalismo: è morto Alfredo Pigna, simbolo della Rai

Morta Jan Morris, la lunga battaglia per il riconoscimento dei suoi diritti

Parallelamentealla sua carriera, però James Morris ha portato avanti anche la battaglia per la sua identità sessuale. Nel 1949 aveva sposato Elizabeth Tuckniss e insieme hanno avuto cinque figli, compreso il poeta e musicista Twm Morys che oggi ha annunciato la sua morte.

Jan Morris è stata un simbolo per la lotta dei transgender (Twitter)

Nel 1964 però ha cominciato la sua transizione per diventare donna e otto anni dopo Morris viaggiò fino in Marocco per in intervento chirurgico di riattribuzione del sesso. I medici inglesi  non concedevano il nulla osta, a meno che non divotrziasse dalla moglie. In realtà su separano successivamente, continuando però a vivere insieme. E nel maggio del 2008 si riunirono legalmente formando un’unione civile.  Una lunga battaglia che Morris aveva raccontato nel libro ‘Enigma’, grande successo letterario.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui