Lazio, Luis Alberto attacca il club: “Non ci pagano”

0

Lazio, clamoroso sfogo di Luis Alberto: il centrocampista ce l’ha con la società che spende i soldi per l’aereo personale e non li paga

Luis Alberto in azione (Getty Images)

Nel giorno della festa in casa Lazio per il varo del primo aereo personale del club, Luis Alberto via social attacca frontalmente la società. Nonostante il fresco rinnovo dino al 2025, il centrocampista spagnolo non è soddisfatto del trattamento ecomnomico perché lamenta mensilità arretrate.

Così, prima una storia su Instagram per denunciare che dietro all’apparenza c’è molto che non è conoscoiuto. Poi su Twitch chiarisce il concetto, se mai qualcuno non avesse anbcoa capito: “L’aereo? L’ho visto, ma lo abbiamo pagato noi. Comprano cose, spendono soldi ma non ci pagano”.


In realtà la Lazio ha confermato di aver saldato luglio e agosto mentre per la mensilità di settembre c’è tempo fino al 1° dicembre grazie alla nuova proroga della Figc. Molto probabilmente però il centrocampista di Inzaghi reclama per un paio di mesi, marzo e aprile, che la società non ha versato. Lo aveva fatto sapere anche il club, parlando di un accordo per quelle due mensilità che non tutti i tesserati avevano sottoscritto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lazio, la Procura poco convinta dalle spiegazioni sui tamponi: cosa rischia

Lazio, nel giorno dell’inaugurazione dell’aereo personale l’inchiesta per i tamponi accelera

Lo sfogo di Luis Alberto è arrivato a poche opre dal varo del Boeing 737/300 della Lazio che così diventa come Real Real, Bayern Monaco e Manchester United. Sno gli unici club che possono viaggiare a bordo di un aereo personalizzato, con tutti i comfort.

Intanto però l’inchiesta della procura di Avellino sui tamponi effettuati dalla Futura Diagnostica va avanti. Oggi la Finanza ha sequestrato tutta  la documentazione relativa a agli esami da maggio a oggi. L’unico indagato dalla Procura, in ogni caso, al momento è Massimiliano Taccone.

La prima parola, arriverà dalla relazione delle consulente della Procura, Maria Landi, che ha riprocessato diversi tamponi effettuati dal centro avellinese per conto della Lazio. I risultati della perizia però potrebbero arrivare soltanto ad inizio della prossima settimana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui