Paziente morto in bagno, Di Maio: “Ora interverrà il Governo”

0

Paziente morto in bagno, è intervenuto sull’argomento il ministro Luigi Di Maio. Indignato e furioso per quanto accaduto, il politico ha assicurato un intervento del Governo centrale nel Sud Italia. 

Covid-19
Paziente muore in bagno

Paziente morto nel bagno dell’ospedale, arriva immediata la risposta delle Istituzioni dopo il video choc giunto dall’ospedale Cardarelli di Napoli. A fornirla è Luigi Di Maio, ministro ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, il quale si è pronunciato con totale rabbia e indignazione attraverso la propria pagina Facebook.

Le immagini del paziente ritrovato morto nel bagno dell’ospedale Cardarelli di Napoli sono scioccanti. Siamo di fronte a fatti drammatici e inaccettabili, episodi che ci spingono ad agire come Governo centrale, perché non c’è più tempo”, inizia così il lungo messaggio del rappresentante politico che si dice pronto a intervenire.

Dpcm Di Maio
 (photo Getty)

Paziente morto in bagno, Di Maio sbotta

Questa tragedia, infatti, è per lui la goccia che fa traboccare il vaso di una situazione ormai allo stremo e per la quale urgono immediati provvedimenti: “A Napoli e in molte aree della Campania la situazione è infatti fuori controllo. Non è più questione di opinioni o pareri, qui a parlare è la realtà. Il paziente trovato morto accasciato nel bagno all’ospedale Cardarelli è la più cruda e violenta di numerose testimonianze che mi giungono ogni giorno dagli ospedali campani”. 

Potrebbe interessarti anche —-> Covid-19, l’allarme di medici e infermieri: “Ospedali a rischio collasso”

Quanto accaduto oggi, del resto, è solo una delle tante scene drammatiche registrate in Campania, regione di origine di Di Maio: “Persone curate in auto nei parcheggi, altre che muoiono in ambulanze del 118 a cui non viene assegnata la destinazione; altre ancora che neanche vengono prelevate da casa nonostante le continue chiamate. La vita e il diritto alla salute di ogni singolo cittadino sono delle priorità che vanno tutelate sopra ogni cosa”.

E: “Se non riescono a farlo gli enti territoriali, lo deve fare lo Stato”. Di Maio pertanto si fa dunque da portavoce nelle Istituzioni per questa criticità, assicurando un pronto intervento soprattutto al Sud dove la situazione è già quasi compromessa e rischia di implodere. Non è più tempo di prendere tempo – evidenzia -, ma di agire. A questo punto non sono da escludere nuove strette nella regione per le prossime ore.

Leggi anche —-> Ciondolo anti-Covid, Giuseppe Tani si è dimesso 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui