Stati Uniti, quali saranno i primi provvedimenti del presidente Joe Biden

0

Joe Biden, 46esimo presidente degli Stati Uniti, ha promesso che cancellerà molti problemi causati dall’amministrazione precedente

Joe Biden

Due giorni fa Joe Biden è stato nominato 46esimo presidente degli Stati Uniti e dalla mattina del 20 gennaio del 2021 si insedierà alla Casa Bianca dopo il giuramento davanti al Campidoglio, a Washington. Ha fin da subito promesso agli americani di attuare diversi provvedimenti per sopperire agli errori gravi dell’amministrazione Trump.

Il sito buildbackbetter menziona quattro priorità da parte del nuovo governo. Tra gli obiettivi, fronteggiare il Covid-19, riportare un’eguaglianza razziale, la ripresa dell’economia e affrontare il cambiamento climatico.

LEGGI ANCHE—> Commercio al dettaglio, cresce la tecnologia: calo per l’abbigliamento

I dettagli degli obiettivi principali di Joe Biden

Biden

Partendo dalla questione Covid, Biden potrebbe istituire in breve tempo una task force di esperti per poi annunciare diverse misure che entreranno in vigore da gennaio. Si parla del Defense Product Act, una legge approvata nel corso della Guerra di Corea, che permette al presidente di ordinare alle fabbriche di produrre certi beni necessari alla difesa nazionale.

Nel dettaglio, verrebbe usata per costruire nuove scorte di respiratori polmonari e dispositivi medici. Verranno con tutta probabilità disposto l’obbligo dell’utilizzo di mascherine a livello federali. In tal caso, però, servirà un ordine esecutivo. Biden cancellerà anche l’uscita degli USA dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che l’anno scorso aveva deciso Trump.

In merito alla questione legata al clima, Biden farà di tutto per rientrare nell’accordo di Parigi da cui gli USA sono usciti il 5 novembre. Per poterlo fare gli servirà l’approvazione della Camera che è a maggioranza Dem. Saranno istituite nuovamente le norme di protezione di Obama.

Con Biden torneranno nuovamente buoni i rapporti con la NATO a differenza di quanto accaduto con Trump che è stato sul punto di disconoscere l’Articolo 5 del Trattato d’Alleanza Atlantica in merito all’obbligo di mutua difesa tra paesi membri qualora vi fosse un attacco.

Con un ordine esecutivo, molto probabilmente, sarà cancellato il travel ban che prevede il divieto di ingresso ai cittadini di paesi africani ed asiatici a maggioranza musulmana.

Possibile anche il rovesciamento della ‘global gag rule’ che vieta l’erogazione di aiuti internazionali alle organizzazioni che praticano o citano l’aborto. Dai tempi di Reagan viene cancellata dai Dem e ripristinata dai Repubblicani.

Trump nel corso della sua amministrazione, sena però riuscirci, ha cercato di eliminare il DACA istituito da Obama. Con esso si dà protezione a 700 mila minorenni entrati negli USA illegalmente da bambini, i quali rischiavano di essere deportati. Ora Biden ha promesso di rafforzare il programma.

Sarà creata, inoltre, una task forca con l’obiettivo di rintracciare i genitori dei bambini separati dalle famiglie a causa della politica migratoria dettata dal tycoon.

Nuove tutele anche per il mondo LGBT con misure specifiche, atte a favorire la piena integrazione in una società priva di discriminazioni. Novità anche in chiave etica con l’introduzione di un regolamento che impedisca ai membri dell’amministrazione di interferire con le indagini del dipartimento di Giustizia.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, Portogallo: coprifuoco notturno a partire da lunedì

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui