Dpcm, Conte: “Pesante per i territori già colpiti, ma non perdiamo unità”

0
37

In collegamento col sindaco di Brescia Del Bono, il premier Giuseppe Conte ha parlato del nuovo Dpcm in vigore da domani

conte DPCM
Il premier Giuseppe Conte ha commentato l’ultimo Dpcm (Getty Images)

Cresce la paura a causa dell’emergenza Covid-19, che sta facendo registrare numeri sempre più alti. La curva epidemiologica è ancora in salita, tanto che il governo è pronto ad intervenire ancora. Come illustrato dal premier Giuseppe Conte nella serata di ieri, a partire da domani sarà in vigore in tutta Italia un nuovo Dpcm che, di fatto, divide il Paese in 3 aree di criticità.

Per quanto riguarda le regioni in zona rossa, si può parlare di una sorta lockdown-bis mascherato. A tal proposito, poco fa il presidente del Consiglio è intervenuto durante un collegamento col sindaco di Brescia Del Bono e con il ministro dell’Ambiente Costa.L’ultima volta sono venuto a Brescia di notte e mi pesa molto, voglio tornarci presto. Domani inizia il lockdown, che andrà a pesare sui territori già colpiti, ma non bisogna mollare” le parole riportate dall’Ansa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, l’appello di Speranza: “Le Regioni facciano la propria parte”

Dpcm, Ordine Medici: “Hanno ascoltato nostre preoccupazioni”

Coronavirus
L’Ordine dei Medici si è detto soddisfatto delle nuove misure adottate (Getty Images)

Nella serata di ieri, il premier Giuseppe Conte ha illustrato il nuovo Dpcm che divide l’Italia in 3 zone di criticità. Per quanto riguarda la zona rossa, si può parlare di un nuovo lockdown con spostamenti limitati a quelli strettamente necessari. A tal proposito, è intervenuto il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Filippo Anelli, che ha commentato le nuove misure varate dal governo. “Si tratta di provvedimenti opportuni, che non vanno a sfaldare in maniera troppo pesante il tessuto produttivo del Paese. Strette più drastiche solo laddove gli indicatori mostrano che il virus è fuori controllo” ha spiegato.

Sono parole che fanno intendere come l’Ordine dei Medici abbia apprezzato le misure imposte dal governo col nuovo Dpcm.Hanno tenuto debito conto delle nostre preoccupazioni, agendo di conseguenza. Ovviamente bisogna tenere massimo lo stato d’allerta, anche nelle aree gialle” ha concluso il presidente Anelli:Serve un monitoraggio costante e preciso, così da individuare e arginare i nuovi focolai e le situazioni più critiche“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, nella Zona Rossa torna l’autocertificazione: scarica il modulo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui