Playstation 5, skin bloccate da Sony: denunciata la PlateStation

Le skin per la PlayStation 5 create dalla piccola azienda PlateStation sono state bloccate in seguito alla denuncia di Sony.

PlayStation 5 cover rossa (via PlateStation)

La Playstation 5 non è di certo una marchio che passa inosservato. Parliamo infatti della console di prossima generazione marcata Sony, probabilmente la più richiesta in assolto. Secondo gli analisti, infatti, neanche quest’anno Xbox e Microsoft riusciranno a dare seriamente battaglia all’azienda nipponica, che continua ad avere una posizione di primo piano nelle menti e nei cuori dei giocatori. Proprio grazie alla sua incredibile potenza, però, Sony riesce anche a schiacciare chiunque non rispetti le sue regole e tenti in qualche modo di lucrare sul marchio che con tanta calma ha creato nei decenni. Vi avevano già parlato di PlateStation 5, l’azienda nata per creare delle skin colorate per PS5. Purtroppo quell’azienda ha chiuso i battenti.

LEGGI ANCHE —> PlayStation, da Sekiro a RDR2: sconti fino all’80% sullo Store

Playstation 5, skin bloccate da Sony: denunciata la PlateStation

Ad essere fatale per i giovani imprenditori di PlateStation 5 è stata la denuncia di Sony. Il colosso nipponico, infatti, ha fatto sapere che la proprietà intellettuale sull’opera comprende anche la skin esterna della console. Pertanto provare a vendere questi pezzi hardware della PS5 equivale a rompere i diritti intellettuali sull’opera e commettere un grosso illecito. Immediatamente l’azienda PlateStation 5, che aveva anche cambiato nome per non farsi colpire in sede legale, ha deciso di chiudere. I clienti stanno venendo rimborsati giorno dopo giorno. “La proprietà intellettuale di Sony si è estesa ai faceplate e se avessimo continuato a venderli e distribuirli”, si legge nella nota pubblicata, “in qualsiasi paese, saremmo finiti in tribunale”. Chi non vuole la propria Playstation 5 bianca dovrà quindi armarsi di pazienza e sperare nel futuro. Sony potrebbe presto lanciare le sue cover colorate.

LEGGI ANCHE —> Honor, via al nuovo programma che offre uno stage retribuito: i dettagli