Covid-19, primario organizza un “tour tra reparti” per negazionisti

Il Covid-19 è reale, ma i negazionisti non lo accettano. Il primario della rianimazione di Rivoli organizza un tour tra reparti

Covid-19 primaio tour
via Getty Images

Di fronte alle troppe parole dei negazionisti, il primario della rianimazione dell’Ospedale di Rivoli non ci sta più. “Non ci credete? Bene, La TourinGrio organizza tour guidati in Rianimazione e nei reparti Covid”. Il post su Facebook di un’amara ironia che ha riscosso tantissimo successo per la risposta a coloro che credono ancora alle ambulanze vuote ed i pronto soccorso vuoti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Scuole, il dottor Villani: “Sono ultrasicure! Contagio difficile, vi spiego” 

Michele Grio in poco più di 24 ore è diventato il portavoce di tutti i medici d’Italia che giorno dopo giorno, dopo infinite ore di lavoro, sentono ancora cose come: “È tutta una trovata politica, le ambulanze girano a vuoto per spaventarci e i media sono loro complici”. Anche San Tommaso volle vedere coi propri occhi la resurrezione di Gesù, così il primario della rianimazione di Rivoli ha proposto di far vedere coi propri occhi le condizioni in cui versano quotidianamente.

Covid-19, il tour organizzato dal primario: le polemiche

Premessa necessaria: per tutti quelli che si stanno indignando ed offendendo, il post è più che ironico. A me pareva…

Pubblicato da Michele Grio su Sabato 31 ottobre 2020

 

Un post palesemente ironico pubblicato sul profilo personale di Facebook, ha provato a trarre risate sulle parole dei negazionisti, nonostante la rabbia fosse palpabile. Tuttavia, in molti, hanno travisato il tutto e creduto che veramente volesse organizzare un tour guidato. Il post, infatti, è stato modificato per aggiungere che fosse ovviamente ironico: “Premessa necessaria: per tutti quelli che si stanno indignando ed offendendo, il post è più che ironico”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > >  Anci, chiesta la chiusura dei centri commerciali nei weekend

La conclusione del post poi lascia intendere tutta l’amarezza che c’era nelle righe precedenti: “Non chiedeteci suggerimenti se vi ammalate dopo aver scritto e pensate la qualunque. Coerenza, ci vuole coerenza. Non fare il cacasotto, sono tutte cagate noh?! Eddaje”.