Covid Napoli, focolaio in ospedale: 41 contagi tra medici e infermieri

Preoccupa la situazione Covid a Napoli, con un focolaio all’interno di un ospedale. Sono ben 41 i contagi tra medici e infermieri.

Covid Napoli Focolaio Ospedale
Nuovo focolaio da Coroanvirus a Napoli (Getty Images)

Scoppia un incredibile focolaio Covid in un ospedale di Napoli. Infatti il boom di casi da Coronavirus è esploso nel nosocomio di Boscotrecase, dove tra i contagi troviamo anche Carlo Guadioso, responsabile della terapia intensiva e positivo all’ultimo tampone. Così Michele Maddaloni della Cgil e Gennaro Cesarano della Uil hanno deciso di inviare una lettera all’Asl Napoli 3 Sud.

Nella lettera dei due esponenti dei sindacati viente testimoniata la situazione diventata “insostenibile”. Secondo Cesarano e Maddaloni bisognerebbe: “adottare dei correttivi sia per quanto riguarda i percorsi sporco-pulito, sia per quanto riguarda i dispositivi di protezione individuali (Dpi) che dovrebbero avere una tenuta di sicurezza molto alta“. La pandemia nell’ospedale, così, inizia ad incalzare a ritmi altissimi, con i sindacati che chiedono all’Azienda Sanitaria di intervenire tempestivamente.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Covid, siamo al rush finale: ma la sfida è diplomatica

Covid Napoli, focolaio nell’ospedale Boscotrecase: la richiesta dei sindacati

covid NAPOLI focolaio ospedale
La situazione si aggrava nell’ospedale di Boscotrecase (Foto: Getty)

Al momento non è nemmeno chiara la dinamica dell’andamento della pandemia in questo ottobre. Infatti i numeri sono ben più alti, con i posti letto che sono sempre di meno e i contagi che continuano ad aumentare. Proprio per questo i sindacati chiedono di agire subito.

Tra le richieste riportate dai leader di Cgil e Uil, infatti, troviamo una sospensione dell’apertura di nuovi posti letto, un celere impiego di personale da arruolare anche con provvedimenti extra ed un blocco dei ricoveri.

Così l’Asl Napoli 3 Sud ha fatto partire l’indagine per far capire  se c’è una falla nel sistema e come sia potuto capitare un focolaio in un luogo apparentemente sicuro come l’ospedale. Inoltre sempre l’Asl ha fatto partire uno screening a tappeto, con l’operazione che dovrebbe completarsi entro i primi giorni della nuova settimana.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid nel mondo, Trump attacca i medici: scontri anche a Barcellona

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !