Chiusura scuole, Azzolina: “Equivale all’abbandono dei ragazzi”

Chiusura scuole, il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina è tornata sulla questione con un post sui suoi canali social

chiusura scuole Azzolina
Chiusura scuole, la ministra Azzolina è intervenuta sui suoi canali social (via Twitter)

Continua a far discutere il tema relativo alla nuova chiusura delle scuole per arginare l’emergenza Covid-19 in Italia. I numeri si fanno sempre più allarmanti e si stanno cercando misure valide per arginare la curva di contagi nella Penisola, che rischia di diventare tragica. Tra le opzioni, c’è quella di ripristinare la didattica a distanza per ogni grado di istruzione.

A tal proposito, è intervenuta nuovamente la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina tramite un post sui suoi canali social. “La chiusura delle scuole non produce gli stessi effetti per tutti, e questa è una delle poche certezze in mezzo a tante incognite” si legge su Facebook: “In alcuni territori, la didattica a distanza porta dispersione scolastica, che equivale all’abbandono dei ragazzi“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Conte: “Numeri preoccupanti, valutiamo nuove misure”

Chiusura scuole, governo al bivio: i dettagli

chiusura scuole azzolina
Resta ora da capire quali decisioni prenderà il governo (Foto: Getty)

È uno dei temi più caldi delle ultime ore, quello relativo alla chiusura delle scuole in tutta Italia. Nella serata di ieri, il vertice di maggioranza che si è tenuto non ha portato ad alcuna decisione definitiva. Da una parte c’è chi spinge verso il ripristino della didattica a distanza per ogni grado di istruzione, dall’altra chi continua a voler lasciare gli istituti aperti. Il problema per il governo, ora, è quello di capire come procedere in tal senso. Al momento, ai vertici ci si trova davanti ad un bivio: attuare la chiusura in tutta Italia, o passare la palla alle singole regioni?

Ad oggi, è obbligatorio fare almeno il 75% delle lezioni a casa per quanto riguarda le scuole superiori. Alcune regioni hanno optato per misure più restrittive, come la Puglia e la Campania che hanno optato per il 100% e come molte altre scuole in giro per l’Italia.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, grandi città fuori controllo: rischio lockdown già da lunedì