Apple perde causa da 502 milioni di euro contro VirnetX

Apple perde in tribunale, ancora una volta la mela viene condannata a pagare VirnetX per delle violazioni del copyright. 

Apple Borsa
Il colosso della tecnologia raggiunge un nuovo prima in borsa (via Pixabay)

Apple è uno dei colossi più grandi del mercato mondiale della tecnologia, per questo motivo quando cade il rumore è incredibilmente forte. E oggi, ancora una volta, a Cupertino devono incassare una brutta batosta legale, avendo di fatto perso in tribunale l’ennesima battaglia contro la piccola VirnetX. La compagnia, che è situata nel Nevada, ha oltre un decennio fa denunciato la Apple per aver, secondo loro, copiato e rubato tecnologia e programmi per il funzionamento di iOS. E anche per aver trafugato delle informazioni per il nuovo servizio di VPN che la mela ha lanciato. E per questo, ben dieci anni fa, i rappresentanti della VirnetX hanno portato il marchio creato da Steve Jobs in tribunale, udienza dopo udienza, chiedendo cifre astronomiche per le violazioni.

LEGGI ANCHE —> Yahoo lancia uno smartphone economico di appena 50 euro

Apple perde causa da 502 milioni di euro contro VirnetX

Dopo anni di indagini e di processi, alla fine Apple ha incassato due brutte sconfitte. Una è stata l’anno scorso, quando la mela fu costretta a immettere nelle casse della VirnetX ben 440 milioni per alcuni brevetti sulle comunicazioni che per la corte sono stati trafugati dall’altra azienda. Ora a questi 440, Apple deve aggiungere altri 502 milioni. Il verdetto della corte del Texas, che oggi si è riunita per decidere non la colpevolezza o meno di Cupertino ma la somma da versare non è stata affatto clemente. Da una parte Apple spingeva per un accordo di 113 milioni in favore di VirnetX. La controparte, ovviamente, sparava altissimo e ha chiesto 700 milioni di dollari per il danno ricevuto. La legge però ha deciso per un’ammenda da 502 milioni. Apple ha già annunciato che farà appello per questa decisione che non è stata ritenuta giusta.

LEGGI ANCHE —> Google One, arriva il servizio VPN in America: presto in Europa