Milano, vietato fumare: dal 2021 scatta la rivoluzione

0
38

Milano, vietato fumare in molti luoghi pubblici: dal 1° gennaio 2021 partirà la rivoluzione per migliorare l’aria ma non tutti concordano

Sigarette elettroniche OMS
Milano, vietato fumare: le nuove regole (Getty Images)

Milano non fuma più. O meglio, succederà dal 1° gennaio 2021 ora che il nuovo Regolamento sulla qualità dell’aria è stato approvato dalla giunta. In maniera chiara vieta le sigarette in diversi luoghi all’aperto. Tutto questi in attesa della rivoluzione totale che scatterà dal 2030 quando sarà proibito fumare in ogni zona pubblica della città.

Sarà vietato fumare nei parchi, nelle zone attrezzate al gioco dei bambini e nelle aree cani. Ma anche nel raggio di dieci metri dalle fermate dei mezzi pubblici, nei cimiteri e sugli spalti degli stadi a cominciare da San Siro destinato.

turismo italia
Milanom rivoluziine verde anche nei parchi (Getty Images)

Il principio del Comune è quello di ridurre al minimo il Pm10, le particelle inquinanti che sono nocive per i polmoni. Non sono solo i gas di scarico e i riscaldamenti ad alimentarlo, ma anche il fumo. E secondo l’assessore alla Mobilità, Marco Granelli, Milano sarebbe anche in ottima compagnia.

In Italia c’è Firenze che ha vietato il fumo vicino ai giochi dei più piccoli ma anche Alghero che lo proibisce nei parchi e sulle spiagge. All’estero gli esempi sono Parigi, che ha esteso il divieto di fumo a ben 46 aree verdi, e New York che da nove anni ha proibito il fumo nin tutti i luoghi pubblici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Smog, Legambiente rivela: 85% delle città in Italia sono inquinate

Milano, la rivoluzione green passa anche per le caldaie e i forni delle pizzerie

Milano diventa città antifumo (Pixabay)

La rivoluzione green di Milano però è molto più ampia e passa anche attraverso altri capitoli. Dal 1° ottobre 2022 in città non potranno più essere utilizzate le caldaie a gasolio e biomassa. In tutto 1.500 vecchi impianti a gasolio che dovranno necessariuamente essere adeguati per essere sostenibili.

Inoltre si annunbcia  la messa al bando, dopo 30 giorni dall’entrata in vigore del regolamento, dal 1° ottobre al 31 marzo (quindi anche a Capodanno) di fuochi d’artificio e barbecue. E poi il censimento delle pizzerie con forni a legna, che producono polveri sottili: avranno l’obbligo di usare legna certificata in classe A1. Entro gennaio 2022 inoltre i furgoni dei commercianti che parcheggiano nei mercati rionali dovranno usare generatori sostenibili.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui