Scuole, Azzolina a Emiliano: “Con chiusura non si risolve il problema”

Nella giornata di ieri, il governatore della Puglia Michele Emiliano ha chiuso tutte le scuole. È arrivata la risposta della ministra Azzolina

Scuole azzolina
La ministra Azzolina ha commentato la chiusura delle scuole disposta in Puglia (Foto: Getty)

L’emergenza Covid-19 preoccupa seriamente l’Italia, e tra i temi maggiormente discussi c’è quello relativo alle scuole. A seguito dell’innalzamento dei numeri impressionante delle ultime settimane, nella giornata di ieri il governatore della Puglia Michele Emiliano ha disposto la chiusura di tutti gli istituti scolastici della regione.

Non si è fatta attendere la risposta della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che ha espresso il suo punto di vista su Facebook.Le scuole non sono un problema, ma anzi simboleggiano futuro e speranza. Chiedo la riapertura degli istituti al più presto, per evitare conseguenze gravi per studenti e famiglie” si legge nel post: “La Regione Puglia ha definito impressionanti i numeri, ma ci risulta che su 562mila studenti, solo 417 siano risultati positivi“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Conte alla Camera: ”È il momento di restare uniti”

Scuole, Azzolina: “Così non si risolve il problema, anzi rischia di peggiorare”

scuole azzolina
Chiesto al governatore Emiliano di tornare sui suoi passi

La Puglia ha disposto la chiusura delle scuole a causa dell’aumento dei contagi di Coronavirus. Prontamente, il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina ha chiesto al governatore Michele Emiliano di rivedere la decisione presa. “Il problema non si risolve chiudendo le scuole, ma anzi si rischia di far peggiorare il bilancio. I ragazzi usciranno di più non dovendo andare a lezione, e rischieranno di contagiarsile sue parole: “A scuola ci sono invece protocolli di controllo e tracciamento, oltre che varie misure di sicurezza“.

A conclusione del suo discorso, la ministra ha sollecitato ulteriormente per la riapertura degli istituti. “In queste ore, sto ricevendo tantissimi messaggi di sconforto, delusione ed amarezza. È tutto comprensibile, in quanto l’istruzione rappresenta una via di fuga e di speranza. Chiediamo agli attori istituzionali di non togliere ai bambini momenti di studio, socialità, impegno e crescita” le parole usate.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid-19, coordinatore Cts: “Si rischia nuovo lockdown tra 15 giorni”