Scuola, nuovo contratto sulla didattica a distanza: la decisione del Governo

0

Scuola, nuovo contratto sulla didattica a distanza: la decisione del Governo che sta scontentando alcuni sindacati

Scuola nuovo contratto
Scuola, nuovo contratto sulla didattica a distanza: la decisione del Governo (Foto: Getty)

Uno degli aspetti più controversi in questo periodo di pandemia riguarda la scuola. La seconda ondata di Covid-19 che ha investito nelle ultime settimane anche l’Italia, ha riportato d’attualità il problema della didattica in presenza. Secondo le decisioni assunte dal Governo attraverso l’ultimo Dpcm, in tutte le Regioni dovrà essere alzata almeno al 75% la didattica a distanza e non solo per le superiori. Questo ha innescato alcune proteste da parte dell’ANP (Associazione Nazionale Presidi). Il presidente Giannelli ha sottolineato: “In tal modo si violano le prerogative previste dalle norme sulla autonomia scolastica”.

Proprio ieri sera si è chiuso un tavolo serrato di confronto tra i sindacati e il ministero dell’Istruzione per arrivare alla sottoscrizione del contratto nazionale integrativo. L’intesa fino a questo momento è stata sottoscritta solo da Cisl Scuola e Anief. Uil Scuola e Gilda hanno già detto di no, mentre la Flc-Cgil e Snals sono ancora indecisi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, Irbm Pomezia: “Disponibile per tutti entro giugno 2021”

Scuola, nuovo contratto sulla didattica a distanza: professori in quarantena dovranno prestare servizio

Scuola Covid
Scuola, nuovo contratto sulla didattica a distanza: la decisione del Governo (Foto: Getty)

L’aspetto più importante del nuovo contratto riguarda tutti i docenti che si trovano in quarantena o in isolamento fiduciario. Secondo quanto previsto dal Governo avranno l’obbligo di prestare il servizio di didattica a distanza almeno che non si trovino in malattia.

Sul testo viene esplicitamente riportato comela didattica digitale integrata dovrà essere effettuata anche dal docente in quarantena o in isolamento. Nel caso in cui le sue classi possano svolgere attività in presenza, il docente in quarantena o isolamento fiduciario, ma non in malattia certificata, svolgerà la didattica a distanza da casa laddove sia possibile garantire la compresenza con altri docenti non impegnati nelle attività didattiche previste dai quadri orari ordinamentali“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Didattica a distanza, Conte: “Scelta obbligata, vi chiedo collaborazione”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui