Cile, vince il sì alla riforma della costituzione: svolta storica

0
48

Svolta storica per il Cile, con la vittoria del “Sì” alla riforma della costituzione. Il 78,20% del popolo approva la svolta costituzionale.

Cile riforma costituzione
Il popolo cileno festeggia la vittoria del Si (Getty Images)

Svolta storica nella storia del Cile con la vittoria della riforma alla Costituzione. Una vittoria schiacciante, con il 78,20% dei cittadini che ha votato per il “” ed ha fatto risaltare un unità nazionale mai vista prima. La vittoria del sì era abbastanza scontata, ma nessuno poteva mai immaginare una percentuale così schiacciante, specialmente per il paese cileno ormai da tempo logorato da guerriglie urbane e scontri contro carovita e corruzione.

Così era tanta la volontà del popolo cileno di cambiare, mettendo un sasso sull’ombra di Augusto Pinochet, generale e politico cileno che conquistò il potere nel 1973 con un colpo di stato. Pinochet infatti ha segnato uno dei periodi più duri della storia del paese sudamericano, governando con un regime dittatoriale dal 1973 fino al 1990 e rendendosi protagonista di diversi crimini contro l’umanità.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coronavirus mondo, in Usa record di casi: 88.973 positività in 24 ore

Cile, vince la riforma della costituzione: chiuso il capitolo più oscuro della sua storia recente

Cile riforma costituzione
Grande festa a Santiago dopo la vittoria del Si (Getty Images)

Dopo la vittoria del “Si” al Referendum, in Cile è pronta a nascere una nuovissima costituzione, che mette finalmente fine alle basi su cui reggeva il regime dittatoriale di Pinochet. Una vittoria del popolo, che si è unito più che mai dopo più di un anno di proteste e guerriglia urbana, per mettersi alle spalle un passato oscuro e ricco di sofferenze. Adesso la nuova costituzione dovrà essere scritta con su basi e caposaldi differenti dalla precedente.

Ma non solo, il popolo cileno ha deciso anche che la nuova costituzione sarà stilata da un’assemblea formata da uomini e donne estranei al mondo della politica e delle istituzioni. Bocciata la proposta di far formare la nuova costituzione per metà dalla società civile e metà da parlamentari.

La nuovissima costituzione cilena dovrebbe iniziare ad essere stilata nel 2022, quando verranno eletti dei rappresentanti che avranno un anno di tempo per stilare la bozza. Successivamente, la carta sarà sottoposta ad un nuovo referendum. Intanto stanno facendo il giro del mondo le immagini di festa del popolo cileno. Infatti, dopo la pubblicazione dei primi dati, la Piazza principale di Santiago si è riempita, con il popolo che ha festeggiato la riforma con urla e abbracci.

L.P.

Per altre notizie di Cronaca Estera, CLICCA QUI !

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui