Chico Forti, il fratello della vittima lo difende: “Non è lui l’assassino”

0

Chico Forti si trova in carcere per omicidio, ma il fratello della vittima ha affermato di essere convinto che non sia lui l’assassino. 

Twitter

Enrico Forti, conosciuto anche come Chico, si trova in un carcere della Florida dal 1988 dopo essere stato condannato per l’omicidio di Dale Pike. E adesso, spunta un vero e proprio colpo di scena sul suo caso. Il fratello di Pike ha infatti di recente dichiarato che non crede alla colpevolezza di Forti, esprimendo inoltre solidarietà alla sua famiglia. Non capita spesso che un parente di una vittima difenda la persona che si trova in carcere accusata del suo omicidio, e diventa dunque inevitabile interrogarsi sulla storia che ha portato quest’uomo a scontare una condanna per omicidio. Questo caso è divenuto celebre in Italia grazie a un servizio realizzato delle Iene a cura del giornalista Gaston Zama, che si era già occupata in precedenza di questa storia.

Leggi anche: Vaticano, condannato Cardarilli: “Mi pagava 100 euro a prestazione”

Chico Forti, il fratello della vittima contattato dal giornalista Gaston Zama

Twitter

Il giornalista è riuscito a contattare telefonicamente Forti per commentare le recenti dichiarazioni di Bradley Pike ( che oltretutto contattato da Zama ha confermato di non credere che Forti sia l’assassino del fratello). Forti ha dichiarato in proposito che confida che queste frasi da parte del fratello della vittima spingano l’esecutivo italiano, e il Ministro degli Esteri in particolare, ad agire e a indagare meglio sul suo caso: “Il mio sogno sarebbe che Luigi Di Maio affrontasse, con questa lettera in mano, il governatore della Florida“. In realtà va anche precisato che negli anni, il governo italiano si è interessato alla sua vicenda e più volte a cercato il dialogo con il governo della Florida, senza però ottenere mai nessun risultato. La speranza però è che adesso, alla luce delle dichiarazioni del fratello di Pike, l’esecutivo decida di approfondire la questione con più decisione. 

Leggi anche: Coprifuoco Napoli, scontri violenti in piazza: arrestate due persone

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui