Covid, Crisanti frena: “Irrealistico un vaccino tra due mesi”

0
43

Sul vaccino contro il Covid-19, il virologo Crisanti tiene i piedi per terra. Infatti per il virologo è irrealistico un vaccino tra due mesi.

Covid Crisanti
Le previsioni del virologo all’Università di Padova (Foto: Getty)

La situazione Covid-19 in Italia è tornata ad essere critica. Infatti, la nuova ondata di contagi ha rimesso in apprensione l’intero paese, che adesso trema al solo pensiero di un nuovo lockdown. I casi, però non si arrestano ed i nuovi contagi continuano a salire di numero.

Infatti solamente nella giornata di ieri ci sono stato 10.871 nuovi casi da Covid-19, con altri 89 decessi. Gli ospedali, inoltre, tornano ad affollarsi, con le terapie intensive che sembrano tornare in affanno e diverse regioni pronte ad adottare il coprifuoco, come Lombardia e Campania.

Ad oggi i casi totali da Covid-19 in Italia sono 434mila, con 36.705 decessi. Nei giorni precedenti il premier Giuseppe Conte si è detto ottimista sul vaccino, che potrebbe arrivare ad inizio dicembre. Ma la previsione è del tutto sbagliata per il virologo Andrea Crisanti. Andiamo quindi a vedere le parole di Crisanti sul possibile vaccino anti-Covid.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coronavirus nel mondo: Usa oltre 221mila morti, il Brasile sceglie il vaccino

Covid, Crisanti: “La priorità è tenere sotto controllo il virus”

Covid Crisanti
Le parole del professore e virologo (Foto: Facebook)

Sulla proiezione di Conte riguardante la data del vaccino, il virologo all’Università di Padova afferma il suo disappunto. Infatti per Crisanti è pressoche impossibile che arrivi un vaccino contro il Covid tra due mesi. Scettico alle dichiarazioni di Conte, il virologo ha dichiarato che forse tra due mesi potrebbe arrivare qualcuno che dirà di avere un vaccino.

Sugli errori fatti in estate, il virologo dichiara che sono stati messi a rischio sia i sacrifici che hanno fatto gli italiani restati a casa per oltre due mesi, sia l’economia del paese con costi che oscillano tra i 150-160 milioni. La sfida per i prossimi mesi, per Crisanti, sarà quella di tenere sotto controllo il virus, con Cina, Giappone, Corea (nazioni che sono riuscite a contenere la pandemia) in grosso vantaggio sotto questo aspetto.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coronavirus, Spadafora: “Difficile concludere il campionato di Serie A”

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui