Juventus, Pirlo: “Dybala è arrabbiato, ma a Crotone non poteva giocare”

Juventus, Pirlo ha parlato di Dybala e soprattutto della tensione che in queste ore c’è tra i due bianconeri. 

Andrea Pirlo (Getty Images)

Le voci di corridoio sono state confermate da Pirlo in conferenza stampa. Paulo Dybala, infatti, si è infuriato in seguito a quello che è accaduto nel match in trasferta tra il Crotone e la squadra di Torino. Malgrado l’indisponibilità di Cristiano Ronaldo a causa del Covid-19 e la squadra non proprio di primissimo livello, il mancino nato in Argentina non ha avuto neanche un minuto di gioco. E in campo i suoi compagni non stavano proprio dominando, come dimostra il risultato finale di 1-1 ottenuto dai bianconeri tra l’altro rimontando. A sbloccare il risultato, infatti, è stato Simy, che al 12′ di gioco ha affrontato e battuto Buffon dagli 11 metri dopo una brutta papera difensiva della squadra bianconera. E questo ha fatto infuriare Dybala, che ovviamente avrebbe potuto aiutare i suoi a cambiare il risultato.

LEGGI ANCHE —> Calciomercato Juve, scambio clamoroso: Cristiano Ronaldo più 70 milioni

Juventus, Pirlo su Dybala: “E’ arrabbiato, ma a Crotone non poteva giocare”

Paulo Dybala
Juventus, Dybala (Foto: Getty)

Malgrado la situazione di confusione totale, il tecnico italiano non ha schierato l’argentino neanche nella ripresa, quando il Crotone ha trovato il vantaggio numeri in seguito all’espulsione di Federico Chiesa. Della situazione ha parlato oggi in conferenza stampa il tecnico della Juventus, Andrea Pirlo. “Dybala? E’ arrabbiato perché sabato non ha giocato, ma la sua era una situazione particolare”, ha affermato l’ex mediano. “Viene da tre mesi di inattività e da dieci giorni di antibiotici chiuso in camera”, ha sostenuto il tecnico. Pirlo ha anche ammesso che avrebbe voluto schierarlo sul finale ma a causa dell’espulsione di Chiesa ha preferito evitare di sbilanciarsi troppo in avanti contro un Crotone più cinico dei suoi uomini.

LEGGI ANCHE —> Calciomercato Inter, addio ad Eriksen a gennaio: il club di destinazione