Covid, si va verso un nuovo Dpcm: tutte le ipotesi in campo

0
19

Il premier Giuseppe Conte studia il nuovo Dpcm per arginare nuovamente il Covid. Andiamo a vedere tutte le piste percorribili.

Covid Dpcm
Tutte le strade percorribili dal premier italiano (Foto: Getty)

L’emergenza sanitaria da Covid-19 è tornata all’arrembaggio sulla penisola, con il premier Giuseppe Conte che adesso studia un nuovo Dpcm per arginare nuovamente la pandemia. Come già annunciato dallo stesso Presidente del Consiglio, al momento è escluso un lockdown, ma l’obiettivo al momento è trovare delle regole più stringenti.

Infatti si cercherà di fare di tutto per far calare sensibilmente i nuovi positivi, in netto aumento a partire dalla fine dell’estate. Infatti in questi giorni abbiamo visto dei veri e propri record di nuovi postivi, con ben 10.009 nuovi casi in solamente 24 ore, ed un incremento di 55 decessi. Dall’inizio della pandemia i casi registrati in Italia sono ben 392mila, con 248mila guariti e 36.427 decessi dall’inizio dell’emergenza. Andiamo quindi a vedere tutte le possibili scelte del premier con il nuovo Dpcm.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid-19, Conte: “No al lockdown, attueremo un’altra strategia” 

Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: cosa cambierà

Covid Dpcm
Il premier Conte verso il nuovo Dpcm (Getty Images)

La situazione Covid-19 in Italia, lentamente si sta facendo sempre più critica in Italia. Il governo esclude, però, un nuovo lockdown e studia il Dpcm da pubblicare. Con molte probabilità, infatti, uno dei provvedimenti sarà la chiusura dei locali (ristoranti, bar, pub) tra le 22 e le 23.

L’ipotesi più accreditata è quella di approfondire al meglio le nuove misure, per eviatare che ogni sforzo sia vano. Così nella giornata di domani il Governo si riunirà con Protezione Civile, Regioni e il commissario Arcuri per discutere un nuovo provvedimento.

Inoltre potrebbe esserci una nuova serrata per sport dilettantistici da contatto e su alcune attività fisiche ed una possibile chiusura delle palestre. Pronta la chiusura anche di alcuni servizi non essenziali come parrucchieri, estetisti e saloni di bellezza, oltre che cinema e teatri; sale gioco e Bingo. Potrebbe invece tornare con prepotenza lo smart-working, con un implementazione fino al 70%. Ma il premier, per ora, ha solamente assicurato che con molte probilità non ci sarà un nuovo lockdown.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coronavirus, Speranza: “C’è un problema serio, non dobbiamo nasconderlo”

L.P.

Per altre notizie di Politica, CLICCA QUI !

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui