Covid, doppia ricerca rivela: “Gruppo sanguigno 0 meno vulnerabile”

0
22

Secondo una doppia ricerca effettuata in Canada e in Danimarca, coloro che hanno il gruppo sanguigno 0 rischiano meno di contrarre il Covid

covid gruppo sanguigno
Covid, doppia ricerca rivela come anche il gruppo sanguigno avrebbe incidenza sulla possibilità di contrarre il virus (Getty Images)

Continuano a procedere a passo spedito gli studi e le ricerche relative al Covid, la pandemia che ha completamente stravolto il 2020. Secondo una doppia ricerca effettuata in Canada e in Danimarca, anche il gruppo sanguigno influenzerebbe la probabilità di essere contagiati. 

Nello specifico, tutti coloro che hanno il gruppo 0 rischiano meno di contrarre il Covid. Il primo studio, portato avanti da alcuni ricercatori danesi, ha rilevato come su 7422 positivi solo il 38,4% era di gruppo sanguigno 0. Al contrario, i pazienti col gruppo A erano oltre il 44%. Anche la ricerca svolta in Canada ha dato esito molto simile: su 95 malati gravi, l’84% dei gruppi sanguigni A o AB richiedevano la ventilazione meccanica, mentre per il gruppo 0 il numero scendeva al 61%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, Oms: “Vaccino? Per i più giovani forse nel 2022”

Covid, studio rivela: “Gruppo sanguigno 0 più resistente”

covid gruppo sanguigno
La doppia ricerca è stata portata avanti da Canada e Danimarca (Getty Images)

Più in generale, dal doppio studio effettuato in Canada e in Danimarca si è capito che il gruppo sanguigno 0 è più resistente al Covid rispetto agli altri. Per quanto concerne i risultati ottenuti dai ricercatori canadesi, è stato scoperto che le persone col gruppo A o AB hanno avuto una permanenza più lunga in terapia intensiva rispetto a 0 e B. “Abbiamo ottenuto risultati analoghi in molti Paesi del mondo” ha spiegato il dottor Mypinder Sekhon del Vancouver General Hospital: “Ovviamente si tratta di incidenza maggiore, ma chi ha il gruppo sanguigno A non deve andare nel panico, così come chi ha lo 0 non può fare quello che vuole”.

L’autore dell’articolo danese Torben Barington, poi, si è soffermato su un altro aspetto della ricerca. “Non sappiamo se effettivamente è il gruppo sanguigno 0 ad essere protetto, o gli altri ad essere particolarmente vulnerabilile sue parole:Su questo dato c’è interesse scientifico, faremo altre ricerche“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, 80 esperti bocciano l’immunità di gregge: la motivazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui