Covid-19, Oms: “Vaccino? Per i più giovani forse nel 2022”

0
20

Continua a far discutere il Covid-19 e la ricerca al vaccino. Secondo quanto riferisce l’Oms, i giovani potrebbero dover aspettare fino al 2022

vaccino covid-19
Vaccino Covid-19, secondo l’Oms i giovani potrebbero aspettare fino al 2022 (Getty Images)

Il Covid-19 è tornato a preoccupare seriamente anche l’Europa. I numeri sono in continuo aumento e stanno spingendo i vari governi nazionali ad agire di conseguenza. Tra i paesi maggiormente colpiti ci sono Spagna, Francia e Gran Bretagna, ma anche Italia e Germania – soprattutto negli ultimi giorni – stanno registrando nuovi picchi da tenere sott’occhio.

L’unica soluzione certa, almeno per il momento, sembra essere quella del vaccino. Da ormai diversi mesi, decine di ricercatori e laboratori in tutto il mondo stanno lavorando per trovare finalmente una cura alla pandemia, ma il farmaco definitivo sembra ancora essere lontano dalla sua commercializzazione. Intanto, la ricercatrice capo dell’Oms Soumya Swaminathan ha fornito un quadro abbastanza preoccupante relativo al vaccino per i giovani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, 80 esperti bocciano l’immunità di gregge: la motivazione

Covid-19, Oms: “Vaccino per i giovani nel 2022”

vaccino covid-19
Priorità ai medici e alle persone maggiormente a rischio (Getty Images)

Secondo quanto riferisce la ricercatrice capo presso l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), il vaccino anti Covid-19 potrebbe essere disponibile più in ritardo per i giovani. “Credo che una persona sana e giovane possa aspettare anche fino al 2022 prima di accedere al farmaco” le sue parole, alle quali ha aggiunto:Al momento, la priorità va agli operatori sanitari e in prima linea, per poi passare ad anziani, chi è più a rischio e così via“.

Intanto, l’Oms si è espresso anche sui numeri che l’Europa sta registrando negli ultimi giorni. Ne ha parlato Hans Klauge, direttore dell’ufficio regionale. “Il Covid è al momento la quinta causa di morte, con mille morti al giorno” ha spiegato, aggiungendo che:Il numero dei casi è in continuo aumento, così come anche i ricoveri in ospedale. Un lockdown oggi non sarebbe come quello di sei mesi fa“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, record di contagi in Germania: la Merkel corre ai ripari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui