Coronavirus, Fontana: “Valutiamo misure, ma escludo nuovo lockdown”

0
48

Coronavirus, il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha commentato la situazione attuale, escludendo un nuovo lockdown

coronavirus fontana
Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha commentato l’attuale emergenza Coronavirus (Getty Images)

Il Coronavirus continua a preoccupare, e lo fa ogni giorno di più. I numeri sono in continuo aumento, tanto che il governo ha emanato un nuovo Dpcm con misure ancor più restrittive di quelle già in vigore. Nella giornata di ieri, il premier Giuseppe Conte non ha escluso un secondo lockdown nei prossimi mesi: “Qualora la situazione dovesse diventare insostenibile”.

Intanto, durante la trasmissione ‘Buongiorno’ su SkyTG24, il governatore della Lombardia Attilio Fontana è intervenuto proprio a tal proposito, commentando eventuali nuove misure per contrastare la diffusione del virus nella sua Regione. “Va analizzata la percentuale tra tamponi ed infettati, che più o meno è sempre la stessa. Numeri più alti perché sono stati fatti più test” le parole riportate da Adnkronos: “Invito ancora una volta a tenere comportamenti in linea con con le misure adottate“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Scuola, Azzolina: “Non ci sarà nessun lockdown per gli studenti”

Coronavirus, Fontana: “Secondo lockdown? Al momento lo escludo”

coronavirus conte
Tanti i temi affrontati in diretta su SkyTG24 (Foto: Getty)

Ha affrontato diversi argomenti Attilio Fontana, il governatore della Regione Lombardia, nel corso del suo intervento a ‘Buongiorno’ su SkyTG24. Dopo aver commentato la crescita dei numeri registrata negli ultimi giorni, il presidente di regione ha parlato di nuove misure e di un’eventuale secondo lockdown. “Stiamo facendo valutazioni, vogliamo capire qual è l’evoluzione del virus. Al momento pensiamo che le regole minime siano sufficienti, vogliamo evitare un lockdown regionale ha commentato in diretta, aggiungendo: “Evitate assembramenti, indossate sempre la mascherina e lavatevi le mani“.

Altro tema quello relativo alla riapertura delle scuole, uno dei motivi che più hanno portato all’aumento delle infezioni. “C’è un dialogo continuo con il ministro Azzolina per quanto concerne la didattica a distanza. Lei ha dichiarato di essere contraria, aprendo però ad una differenziazione degli orari di ingresso e di inizio delle lezioniha proseguito Fontana: “Questa proposta degli orari ci interessa molto, ascolteremo e cercheremo di capirne i possibili risvolti“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Calabria, morta la governatrice Jole Santelli: fu eletta pochi mesi fa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui