Bari, donna di 40 anni muore dissanguata nel tentativo di iniettarsi droga

0
21

Una donna di 40 è morta all’interno della sua abitazione nel barese. La 40enne è morta riportando una ferita da taglio all’altezza dell’inguine. 

Ospedale (via Facebook)

Tragedia nel barese. Una donna di 40 anni è stata trovata morta sul letto della propria abitazione con diverse ferite da taglio. È morta dissanguata davanti a sua figlia dell’età di 10 anni. Il decesso, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stato causato da un taglio all’altezza dell’inguine che la donna si sarebbe procurata nel tentativo di iniettarsi della droga centrando l’arteria femorale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Covid-19, bollettino 15 ottobre: 8804 contagiati e 83 morti

Bari, donna di 40 anni muore dissanguata nel tentativo di iniettarsi droga

Ambulanza
Ambulanza (Foto: Facebook)

È successo a Bari, nel capoluogo della Puglia. I. R., una donna di 40 anni è morta all’interno della sua abitazione sita in via Davanzati. La 40enne è morta dissanguata davanti agli occhi di sua figlia, una bambina di 10 anni.

Secondo i primi accertamenti effettuati sulle possibili cause del decesso, è emerso che la morte della donna è stata causata da una ferita. La 40enne nel tentativo di iniettarsi una dose di droga, si è ferita all’altezza dell’inguine. La madre della bambina di 10 anni voleva iniettarsi la droga centrando l’arteria femorale.

A lanciare l’allarme e a chiedere l’intervento del 118, il suo compagno. Questi non è il padre della bambina in quanto la 40enne era separata dal marito. Il suo compagno, che non è chiaro alle forze dell’ordine se fosse in casa con lei in quel momento, ha richiesto l’intervento immediato dei sanitari. Ma al loro arrivo, i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della donna.

I carabinieri della stazione di Bari si stanno occupando del caso e, sotto la direzione della pm Savina Toscani, sono iniziate le indagini. Il primo ad essere interrogato è il compagno della 40enne. Le sue dichiarazioni sembrano essere importanti per la ricostruzione del caso e per capire l’esatta dinamica di quanto accaduto e verificare una sua eventuale responsabilità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Covid, doppia ricerca rivela: “Gruppo sanguigno 0 meno vulnerabile”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui