Gianmarco Pozzi, il giallo della sua morte stasera a Chi l’ha Visto

0
23

Questa sera nella trasmissione “Chi l’ha visto?” si torna a parlare del giallo di Gianmarco Pozzi, il campione di kickboxing morto il 9 agosto scorso. 

Twitter

Ritorna d’attualità il caso di Gianmarco Pozzi. Questa sera infatti la trasmissione “Chi l’ha visto” si occuperà del suo caso su cui a distanza di mesi rimangono tantissime ombre. D’altronde, è la famiglia stessa a mettere in dubbio il fatto che si sia trattato di un incidente. Pozzi era un ragazzo di 28 anni, kickboxer professionista con un curriculum notevole. D’estate lavorava a Ponza nei locali notturni come buttafuori. Il 9 Agosto venne ritrovato senza vita in costume. L’autopsia sul cadavere ha accertato in seguito che il giovane era morto dopo una caduta di circa sette metri. Si presume possa essere caduto dal terrazzo di una villetta. Le indagini della Procura di Cassino sono ancora in corso, e la sua morte resta un giallo. 

Leggi anche: Frosinone, bimba vittima di violenza sessuale: arrestato 38enne

Gianmarco Pozzi, la caduta accidentale non ha mai convinto la famiglia

Twitter

È scivolato accidentalmente o è stato spinto? Senza dimenticare che non si è ancora riusciti a trovare una spiegazione sul perché si trovasse in quel luogo a quell’ora. Una delle ipotesi al vaglio degli inquirenti è quella che il ragazzo avesse deciso di raggiungere la spiaggia scegliendo una strada più veloce per raggiungere il mare. Avrebbe dunque scavalcato una balaustra per poi cadere incidentalmente. La famiglia però continua a non credere a questa versione. A loro parere infatti, la grande prestanza fisica di Ponzi non può averlo portato a inciampare in un modo così maldestro. Martina Ponzi, sorella della vittima, ha infatti più volte dichiarato ai giornalisti che non ritiene si sia trattato di un incidente e che faranno di tutto per ottenere la verità.

Leggi anche: Milano, maestro delle elementari nei guai: presunte percosse agli alunni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui