Lutto in casa Totti, è morto papà Enzo: “Grazie di tutto sceriffo”

0
20

È morto il papà di Francesco Totti, papà Enzo. Aveva 76 anni ed ha lasciato un vuoto incolmabile nella vita dell’ex capitano della Roma. 

Papà Enzo e Francesco Totti (foto Facebook)

La famiglia Totti è stata colpita da un lutto. Oggi, lunedì 12 ottobre, è venuto a mancare il papà del leggendario capitano giallorosso Francesco Totti. Il padre dell’icona del popolo giallorosso, papà Enzo, è morto all’età di 76 anni. Li aveva compiuti lo scorso maggio.

Il padre di Francesco Totti, papà Enzo, pochi anni fa era stato colpito da un infarto mentre nell’ultimo periodo era alle prese con alcune patologie che gli sono state fatali nel momento in cui ha contratto il coronavirus.

Francesco Totti amava molto il padre e più volte sottolineava quanto era importante per lui e quanto fosse stato importante per la sua carriera da giocatore e non solo. Se l’ottavo re di Roma ha abbracciato i colori giallorossi lo si deve a papà Enzo, o lo sceriffo come soleva chiamarlo suo figlio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Covid-19, bollettino 12 ottobre: 4619 contagi e 39 morti

Lutto in casa Totti, è morto papà Enzo: “Grazie di tutto sceriffo”

Papà Enzo e Francesco Totti (foto Facebook)

Lunedì 12 ottobre la famiglia Totti è stata colpita da un grave lutto. Francesco saluta per l’ultima volta suo padre Enzo, che lui soleva chiamare “lo sceriffo“.

Papà Enzo non amava essere al centro delle attenzioni, infatti nonostante suo figlio fosse la leggenda del calcio mondiale e un’icona per il tifo giallorosso, lui si teneva lontano dalle luci dei riflettori.

A raccontarci di papà Enzo lo stesso Francesco Totti che afferma: “Papà non mi ha mai fatto i complimenti, anzi mi ha sempre bastonato”. Un padre severo, appunto “lo sceriffo, che non faceva i complimenti a Francesco nemmeno quando segnava una doppietta. Papà Enzo gli diceva: “dovevi farne quattro di gol”.

Francesco ricorda che fino all’ultimo giorno di vita, suo padre non gli ha mai fatto un complimento, ma l’ex capitano della Roma dice: “Forse è stata questa la mia fortuna”.

La famiglia è stata importante, se non essenziale per Francesco, infatti egli stesso ricorda: “I miei genitori mi hanno insegnato i giusti valori della vita e come portare rispetto verso le persone più grandi.”

La leggenda giallorossa, in occasione della festa del papà del 19 marzo scorso, aveva fatto una dedica a Enzo sui social. L’ottavo re di Roma condivise sul suo profilo social un post che recitava: “Tutto quello che mi hai insegnato lo sto trasmettendo ai miei figli, i tuoi nipoti. Grazie di tutto papà mio, anzi sceriffo”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Coronavirus Roma, organizza due feste per il figlio: 60 persone in quarantena

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui