Covid, oscurati 60 siti in 3 mesi: pubblicizzavano cure miracolose

0
18

Sono ben 60 i siti oscurati nei tre mesi tra giugno e settembre perché colpevoli di pubblicizzare cure miracolose per il Covid 19

Covid
Covid

Sono ben 60 i siti localizzati all’estero che sono stati oscurati dal primo giugno a 30 settembre dopo i controlli dei Carabinieri del Nas. Il provvedimento è arrivato a seguito del fatto che su di essi erano presenti annunci che pubblicizzavano la vendita di prodotti dalle inesistenti capacità curative anti-Covid e farmaci vietati. È quanto emerge dalla presentazione dei risultati dell’operazione ‘Estate sicura’, presentata oggi a Roma, al ministero della Salute.

LEGGI ANCHE—> Ferrara, giro di mazzette nella Motorizzazione Civile: 7 arresti

Covid e la lotta alle fake news, la risposta degli esperti

Fake news twitter
(Pixabay)

La lotta alle fake news, di qualsiasi genere, in questa periodo epidemico è cresciuta a dismisura. Alcuni esperti, in merito alla questione, hanno parlato ai microfoni di Rtv San Marino.

Il medico e giornalista Roberta Villa ha spiegato: “L’importante è che tutti continuiamo ad avere attenzione alta e senso critico per capire ciò che ci viene detto, non solo sui social, ma anche dai grandi media”.

Il giornalista Rai, Giorgio Zanchini, non si è mostrato pessimista: “Non è il Covid che ci ha mostrato la pervasività e quantità di fake news, perché negli anni messi alle spalle è stata la nostra cosa se non peggio. Anzi, credo che in questa fase siano aumentati i casi di debunking o smascheramento delle fake da parte di medici e giornalisti. Non sono pessimista”. 

LEGGI ANCHE—> AIFA, pillola del giorno dopo: abolito l’obbligo della ricetta anche per le minorenni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui