Piano di Sorrento, l’appello del sindaco: “Stop alle scuole”

0
15

Piano di Sorrento, l’appello del sindaco Vincenzo Iaccarino di fronte all’aumento di positività al Covid-19 che coinvolgono anche bambini piccoli

coronavirus bari
Piano di Sorrento, il sindaco propone di chiudere le scuole (archivio Getty)

Dati alla mano, la Campania è una delle regioni più a rischio contagio da Covid-19. Per questo Vincenzo Iaccarino, sindaco di Piano di Sorrento ha rivolto un appello direttamente ai genitori degli alunni che frequentano le scuole del paese. In pratica, secondo lui dovrebbero chiudere i battenti almeno per un mese in attesa che la situazioni si normalizzi.

Iaccarino nella vita di tutti i giorni è anche medico cardiologo e per questo ha direttamente il polso della situazione. Solo nelle ultime ore, che ha fatto sapere, il Dipartimento di Prevenzione dell’Asl ha reso nota la positività di altri concittadini. In primis il papà di due bambini di 4 e 6 anni risultato contagiati ieri e una giovane mamma con il figlio di 20 giorni.

Vincenzo Iaccarino insieme al governatore Vincemzo De Luca (Facebook)

Proprio per questo la chiusura delle scuole almeno per le prossime 4 settimane potrebbe essere un provvedimento intelligente e soprattutto necessario. per ora nessuna decisione ufficiale, piuttosto l’apertura di una discussione comune con i suoi concittadini. “L’eventuale decisione di sospendere temporaneamente le attività in presenza per 1 mese – spiega Iaccarino – riguarderà anche tutti contesti esterni associativi e sportivi”. Lì infatti è più facile che si verifichino assembramenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, malati messi negli alberghi a Roma: ospedali pieni

Piano di Sorrento, positivo anche un bimbo di 20 giorni insieme alla madre: isolati in ospedale

Uno dei casi citati dal sindaco di Piano di Sorrento è quello che preoccupa di più. Confermata infatti la positività di un neonato di soli 20 giorni nata all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia, come spiega in un articolo oggi ‘Il Mattino’.

Bambino in ospedale

Parto naturale, nessuna avvisaglia nei giorni precedenti e nemmeno nei primi giorni di vita della bambina. Ma venerdì pomeriggio la mamma e il piccolo sono tornate in ospedale. Febbre, diarrea e spossatezza, sintomi che hanno fatto scattare da subito l’allarme. In fretta i mediici hanno scoperto che in famiglia c’erano stati altri casi di febbre negli ultimi giorni e quindi sono partiti gli esami. Mamma e bimbo sono stati trasferiti al Policlinico, centro regionale per i casi di Covid neonatale e lì resteranno fino alla guarigione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui