Covid-19, Speranza: “Nuova fase in Italia, pronti lockdown territoriali” 

0
25

Covid-19, il ministro Roberto Speranza fa il punto della situazione. In vista della seconda ondata, il politico annuncia lockdown territoriali in caso di estrema necessità. 

Ministro Speranza

Una nuova fase è in arrivo in Italia sul fronte Covid-19. Lo riferisce Roberto Speranza, ministro della Salute, intervenuto in serata ai microfoni della Rai durante la trasmissione ‘Che tempo che fa’. “Il nostro numero dei contagi ora è cresciuto e adesso serve un cambio di fase”, ha infatti riferito il referente politico.

Coronavirus Speranza

Covid-19, Speranza fa il punto della situazione

Cosa significa questo? Che la nostra nazione deve prepararsi a una nuova incursione virale dopo quanto vissuto nei mesi scorsi, anche perché il quadro epidemiologico è peggiorato in maniera terribile in tutta Europa. E anche se il quadro nostrano non è critico come nelle nazioni vicine, non bisogna farsi trovare impreparati.

Potrebbe interessarti anche —-> Covid-19, Di Maio: “Vaccino? Prime dosi in arrivo entro fine anno”

“Il numero di positivi è cresciuto ma le cifre da noi sono di gran lunga inferiori rispetto a quelli di altri paesi. Tuttavia – prosegue Speranza – sarebbe folle pensare che l’Italia non può essere considerata fuori da tutto questo”. Motivo per cui ora ci saranno delle ulteriori strette, come quelle già sentenziate nelle scorse ore: “Ora siamo pronti a restringere le maglie, servirà un cambio di marcia”. 

Ma questo non vorrà dire lockdown. Lo conferma tra le linee lo stesso ministro: “Ci saranno misure ponderate ma non paragonabili a quelle vissute in passato”. Come già noto, ci si muoverà più in ambito specifico in caso di necessità: “Interverremo su alcune aree a rischio che possono consentirci di provare a mettere la curva sotto controllo”. Ma al momento non c’è nessuna zona rossa, specifica.

Leggi anche —-> Coronavirus, focolaio Biella: cena tra amici provoca 30 positivi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui