5 Stelle, alcuni deputati iniziano ad essere favorevoli al Mes

0
20

All’interno dei 5 Stelle, alcuni deputati hanno iniziato a dichiararsi favorevoli all’adozione del Mes, preoccupati dal rapido incremento dei contagi in tutta Europa. 

All’interno del Movimento 5 Stelle, si è creata una frattura che sta mettendo in difficoltà il fronte anti-Mes, quello che fino ad adesso non ha permesso al Partito Democratico di avanzare con decisione l’ipotesi di aderire al Fondo Salva Stati. Sembrerebbe infatti che alcuni parlamentari abbiano dato il via a una raccolta firme a favore del Meccanismo Europeo di Stabilità per quanto riguarda le spese sanitarie. Sicuramente, il rapido incremento dei contagi di coronavirus che si sta registrando in Europa da alcune settimane, ha messo il timore a molti esponenti pentastellati che le risorse messe in campo non siano sufficienti. Oltre a questo, bisogna anche considerare che in questi giorni il Recovery Fund sembra essersi arenato a causa dei litigi tra i vari leader europei. 

Leggi anche: 5 Stelle, Fico: “Non sono preoccupato per scissione, pensiamo al paese”

5 Stelle, Trizzino: “Non si possono attendere aiuti Recovery Fund”

Getty Images

Ad Adnkronos, il deputato 5 Stelle Giorgio Trizzino ha affermato che “non si possono attendere gli aiuti del Recovery fund che arriveranno solo nel 2021 inoltrato. Quindi occorre che tutte le forze politiche, nessuna esclusa, ragionino sulla possibilità di avvalersi dei prestiti ottenibili con il Mes. Non ci si può trincerare dietro pregiudizi, favorevoli o contrari. Va fatta un’analisi fredda e laica dei vantaggi e degli svantaggi possibili… La casa rischia di bruciare presto e non si può stare a guardare senza chiamare i pompieri, il cui servizio è privo di oneri”. Resta però il fatto che in molti grillini, e in particolare quelli che lavorano alla Commissione Finanze, continuano a opporsi fermamente al Mes. Di recente hanno diramato un comunicato, che pare non sia stato apprezzato troppo all’interno del Movimento, proprio per ribadire questa volontà aggiungendo inoltre che “in ogni caso il governo dovrà conformarsi agli indirizzi delle Camere, e mantenerle coinvolte, riguardo tutti i passaggi di negoziato sulla modifica al trattato Mes, come stabilito in due risoluzioni di due diverse maggioranze”.

Leggi anche: 5 stelle, rivelato un retroscena tra Casaleggio e Di Battista

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui