Avellino, consegnavano droga a domicilio durante lockdown: 19 misure coercitive

0
21

Ad Avellino i carabinieri del comando provinciale hanno scoperto una rete di spacciatori che consegnava droga a domicilio durante il lockdown.

Getty Images

Il Gip del Tribunale di Avellino ha emesso 19 misure coercitive in seguito a un’indagine dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino. Gli indagati sono adesso accusati di aver consegnato droga a domicilio durante il lockdown. Dalle indagini emergono pi anche dei particolari emblematici. Ad esempio, sembra che molti acquirenti acquistassero gli stupefacenti mediante questo sistema “porta a porta” utilizzando i soldi che percepivano dal Reddito di Cittadinanza. L’operazione è stata denominata dagli inquirenti “Delivery” e ha portato a scoprire l’esistenza di un servizio ben definito con una rete di spacciatori discretamente articolata. Al momento oltre centocinquanta militari sono impegnati in delle perquisizioni relative alle indagini. 

Leggi anche: Coronavirus, Europol: “Traffico di droga aumentato durante pandemia”

Ostia, obbligava la moglie a prostituirsi e le rubava i soldi per comprare della droga

Getty Images

Due giorni fa, ad Ostia un uomo di 42 anni è stato accusato di aver costretto la moglie a prostituirsi. La vittima sarebbe una donna di 37 anni che dopo anni di maltrattamenti e abusi ha deciso di denunciare la sua situazione alle autorità. Le accuse all’uomo sembrano molto pesanti. Avrebbe infatti costretto la moglie a prostituirsi per poi appropriarsi del suo denaro per spenderlo in droga. La donna è andata a denunciare il marito alla stazione dei carabinieri di Ostia raccontando inoltre che l’uomo è tossicodipendente. I carabinieri subito dopo l’incontro con la donna, hanno deciso di recarsi nell’abitazione del marito per arrestarlo in via precauzionale. L’uomo si trova adesso nella Casa Circondariale di Velletri.

Leggi anche: Palermo, sgominato gruppo criminale che spacciava droga: 11 arresti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui