Nuovo Dpcm, parla Conte: “Mascherine sempre, anche in casa”

0
27

Nuovo Dpcm, parla il premier Conte: in questo momento è raccomandato l’uso delle mascherine sempre all’aperto e spesso in casa

Coronavirus Governo
Nuovo Dpcm, il premier Conte ha illustrato alcune misure (Getty Images)

Mascherine sempre, almeno all’aperto e almeno fino a nuovo ordine. Questo è uno dei provvedimento nel nuovo Dpcm sul quale il governo insiste di più. Lo ha fatto anche Giuseppe Conte questa sera spiegando perché sia stata adottata questa misura più restrittiva rispetto agli ultimi mesi.

Tutte le volte che usciamo di casa, mascherina indosso e non si transige. Ma l’attenzione deve essere massima anche all’interno delle quattro mura. “La raccomandazione del governo è indossare la mascherina e mantenere le distanze anche quando ricevete amici o parenti a casa”.

Ovviamente non sarà uno stato di polizia, perché nessuno può entrare in casa degli altri se non invitato e non possono esserco controlli preventivi. Ma se tutti gli italiani riusciranno ad essere rigorosi, in famiglia come sul lavoro e nelle altre attività quotidiane non ci sarà bisogno di un nuovo lockdown.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nuovo DPCM, novità sull’uso delle mascherine: quando metterla in Auto

Nuovo Dpcm, ecco quali sono gli unici esentati dall’uso delle mascherine

Giuseppe Conte ancora una volta ha richiamato il senso di responsabilità degli italiani che deve prevalere su tutto il resto. Se fino ad oggi l’Italia non è andata di nuovo in crisi è perché ha prevalso il rigore, quindi impossibile mollare.

mascherine coronavirus riutilizzabili
Mascherine, la stretta del governo (Getty Images)

Per questo la mascherina deve essere indossata, non solo portata sul braccio o in mano come hanno fatto in molti. E poco cambia se siamo in una strada o una piazza deserta, conta il princpio. Ma non vale per alcune categorie. Sono infatti esentati “i bambini di età inferiore a 6 anni, chi svolge attività sportiva, chi ha ragioni di salute, persone con disabilità o che hanno difficoltà respiratorie”.

E questa sera è emersa amnche un’altra novità confermata dal ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia. Tornerà la cabina di regia nazionale tra governo ed enti territoriali come era già stato nei momenti più digfficili tra marzo e maggio. Ci saranno i ministri ma anche i rappresentanti di Regioni, Anci e Upi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui