Morte George Floyd, libero su cauzione il poliziotto che lo uccise

0
30

Morte George Floyd, è stato liberato su cauzione Derek Chauvin, il poliziotto che lo uccise a Minneapolis il 25 maggio scorso

George Floyd
Morte George Floyd, libero ache l’ultimo poliziotto (Twitter)

Nuovo capitplo nella storia della morte di George Floyd, l’afromericano ucciso il 25 maggio scorso a Minneapolis. Oggi Derek Chauvin, l’ex agente della polizia locale accusato di averne provocato il decesso premendogli il ginocchio sul collo, è stato rilasciato.

Chauvin è libero su cauzione, come hanno riferito alcune agenzie di stampa riprese poi dai principali media nazionali. La cauzione era stata fissata già lo scorso 8 giugno in 1 milione di dollari minimo (con alcune misure di sorveglianza). Una cifra sulla carta impossibile da pagare per l’uomo o per la sua famiglia. Ecco perché regna il misterop siu chi abbia fatto il versamento

Ora potrebbe rimanere libero almeno per i prossimi 5 mesi visto che lui e gli altri imputati dovrebbero ricomparire in tribunale nel marzo del 2021. Gli altri tre agenti in effetti erano già stati rilasciati, sempre su cauzione mentre lui era ancora detenuto presso il Minnesota Correctional Facility-Oak Park Heights.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> George Floyd, il fratello al Congresso: “Ucciso per 20 dollari!”

Morte George Floyd, sarà battaglia tra accusa e difesa nel prossimo processo

Il video sula morte di Floyd che ha fatto il guiro del mondon (Websource)

Derek Chauvin era nella prigione di massima sicurezza di Oak Park Heights dalla fine di maggio ed è accusato di omicidio di secondo grado, di terzo grado e omicidio colposo. Il video, girato da un testimone sulla scena della morte di George Floyd, semnbrava mostrare immagini chiare. Chauvin per diversi minuti (almeno 8) con il ginocchio premuto sul collo di Floyd per quasi otto minuti.

Un filmato che fin da subito aveva scatenato vibranti proteste, scontri e violenze a Minneapolis e manifestazioni in tutto il mondo. L’accusa punta sul fatto che Chauvin ha avuto ben sette precedenti episodi che documentano l’utilizzo diuna tecnica simile a quelle che ha ucciso Floyd. E l’ex poliziotto rischia oltre 12 anni di carcere se verrà condannato per omicidio non intenzionale di secondo grado.

Il suo avvocato però aveva sostenuto che Floyd era positivo per Covid-19. E la sua morte sarebbe stato il risultato di livelli molto alti di fentanil e metanfetamina nel suo sistema. Inoltre il 29 agosto scorso aveva chiesto ai giudici di archiviare le accuse nei suoi confronti. Invece il procuratore federale aveva annunciato che chiederà le aggravanti per Chauvin e gli altri tre agenti sotto processo. “George Floyd è stato trattato in un modo particolarmente crudele, nonostante continuasse ad implorare che non riusciva a respirare e che sarebbe morto”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui