Agrigento, appiccano incendio e aggrediscono agenti: 65 migranti in fuga

0
22

Agrigento, rivolta in un centro di accoglienza. 65 migranti hanno appiccato un incendio e aggredito i poliziotti presenti

agrigento migranti
Agrigento, 65 migranti hanno dato vita ad una rivolta e sono fuggiti (YouTube)

Una nottata difficile quella vissuta al centro di accoglienza al Villaggio Mosè di Agrigento. 65 migranti hanno fatto partire una rivolta, appiccando un incendio e aggredendo i poliziotti presenti con oggetti di ogni tipo. Inoltre, alcuni dei presenti – che erano tenuti in quarantena – sono riusciti a lasciare il centro e a fuggire.

A darne la notizia è stato il segretario generale della Federazione sindacale della Polizia di Stato Valter Mazzetti. Tre degli agenti colpiti – riporta inoltre Adnkronos – sono rimasti feriti dopo l’aggressione dei 65 migranti. “Hanno lanciato estintori, reti dei letti, parti di finestre, pietre e altri oggetti contro i poliziotti” le sue parole: “È poi divampato un incendio, dopo che gli ospiti hanno dato fuoco ai materassi“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, maxi sequestro in Italia: 30mila mascherine e 440mila guanti

Agrigento, rivolta in un centro di accoglienza: “È inaccettabile”

agrigento migranti
Tre agenti di polizia sono inoltre strati aggrediti (Getty Images)

Questa notte, il centro di accoglienza al Villaggio Mosè di Agrigento è stato teatro di una terribile rivolta portata avanti da 65 migranti, perlopiù tunisini. A darne la notizia Valter Mazzetti, il segretario generale della Federazione sindacale della Polizia di Stato. “Purtroppo sono vicende che ormai si verificano sempre più frequentemente, sono quasi diventate normalitàha specificato Mazzetti:I centri di accoglienza sono delle bombe ad orologeria, soprattutto considerando l’emergenza Coronavirus. Alcuni dei fuggiti, infatti, erano tenuti in quarantena“.

Oltre ai danni all’edificio, anche 3 poliziotti sono stati feriti dai fuggitivi. “Non viene dato alcun peso alle condizioni disastrose in cui operano le forze dell’ordine in questo settore, è assurdo” ha continuato Mazzetti, aggiungendo che: “Praticamente i migranti si rifiutano di rimanere in quarantena, e mettono in piedi rivolte e fughe. Se non facciamo qualcosa, rischiamo sistematicamente il massacro“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Mondragone, auto finisce in un burrone: un morto e tre feriti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui