Ballottaggi, si torna alle urne in 54 comuni: incognita affluenza

0
25

Si torna alle urne con i ballottaggi in ben 54 comuni italiani. Resta da capire quale sarà l’affluenza a causa dell’emergenza Coronavirus.

Ballottaggi urne
Si torna al voto in 54 comuni (via WebSource)

Gli italiani torneranno alle urne in ben 54 comuni, con i cittadini che sono chiamati a decidere per il ballottaggio. Infatti gli italiani dovranno esprimere la loro preferenza dopo le elezioni amministrative del 20 e 21 settembre. I seggi durante la giornata di domenica saranno aperti fino alle 23, mentre invece lunedì saranno aperti dalle 7 alle 15. Ovviamente, subito dopo la chiusura delle urne avverrà lo spoglio elettorale, con i risultati definitivi che dovrebbero arrivare la sera stessa.

Di questi 54 comuni che torneranno al voto, ben 9 sono capoluogo di provincia. Infatti si tornerà alle urne a Reggio Calabria (147.063 elettori al primo turno), Matera (50.730 elettori al primo turno), Lecco (38.451 elettori al primo turno), Crotone (50.247 elettori al primo turno), Chieti (44.112 elettori al primo turno), Andria (83.390 elettori al primo turno), Arezzo (77.804 elettori al primo turno), Aosta (28.695 elettori al primo turno) e Bolzano.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Nuovo Dpcm ottobre 2020: la stretta del governo

Ballottaggi, si ritorna alle urne: i risultati del primo turno

Ballottaggi urne
Si torna al voto in 9 capoluoghi (via WebSource)

Dopo i risultati del primo turno, il centro-sinistra ha confermato i propri sindaci a Trento, Mantova e Trani, con solamente Macerata che è stata strappata dal centro-destra. Mentre invece, proprio la destra italiana è riuscita a mantenere i proprio sindaco a Venezia. Trionfa ancora una volta una lista civica a Fermo.

Nei comuni capoluogo di provincia si riproporrà la classica sfida tra centro-destra e centro-sinistra a Bolzano, Lecco, Reggio Calabria, Chieti e Arezzo. Mentre invece a Matera la sfida sarà tra centrodestra e M5S. Ad Andria sarà lotta tra centrosinistra e M5S, a Crotone ci sarà centrodestra contro liste civiche ed infine ad Aosta sarà il centrosinistra a sfidare le liste civiche.

Ovviamente, a causa della crisi sanitaria che stiamo affrontando, il voto dovrà seguire le norme anti-Covid-19 previste dal protocollo sanitario Interno-Salute del 7 agosto 2020. Per accedere ai seggi elettorali, quindi, ci sarà bisogno di indossare la mascherina da parte di tutti gli elettori e di ogni altro soggetto avente diritto all’accesso al seggio. Inoltre prima di entrare nel seggio dovrà igenizzarsi le mani, stessa operazione che dovrà essere compiuta al termine del voto. Quindi, parte oggi l’ultima sfida tra centrosinistra, centrodestra, Movimento 5 Stelle e Liste Civiche.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Caso Gregoretti, udienza preliminare rinviata: cosa rischia Salvini se venisse condannato

L.P.

Per altre notizie di Politica, CLICCA QUI !

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui