Sileri rassicura: “Serie A non a rischio, stop solo in un caso” 

Serie A non a rischio: lo conferma Pierpaolo Sileri, vice ministro della Salute. L’allarme è scattato dopo il focolaio esploso in casa Genoa all’indomani della sfida contro il Napoli allo stadio San Paolo. 

Pierpaolo SIleri

La Serie A, allo stato attuale, non sarà sospesa. Dopo le rassicurazioni giunte nei giorni scorsi dal ministro Vincenzo Spadafora, ne arrivano ulteriori anche da Pierpaolo Sileri intervenuto in mattinata ai microfoni di Radio Cusano Campus. Il viceministro della Salute ha dunque escluso una paralisi del campionato dopo il focolaio esploso in casa Genoa all’indomani della partita contro il Napoli.

Serie A sospesa?
(Getty Images)

Serie A non a rischio per ora: lo conferma Sileri

Probabilmente sarà rinviata Genoa-Torino, ma non l’intero torneo. “Se c’è una squadra con molti positivi, questa avrà ovviamente problemi nel giocare”, ha infatti riferito il politico. Il rischio collettivo subentrerebbe solo qualora più squadre avessero diversi positivi in rosa: “In questo caso la situazione sarebbe diversa e il quadro cambierebbe. Ma al momento non c’è il rischio di sospensione del campionato, dal momento che il problema sussiste per un’unica quadra”.

Potrebbe interessarti anche —-> Calciomercato Juventus, il club di Serie A ha chiesto Demiral: le ultime

Il primo giro di tamponi in casa Napoli, intanto, ha permesso un primo sospiro di sollievo considerando le negatività di tutti i calciatori. Nuovi test verranno effettuati sabato, ovvero il giorno prima della trasferta di Torino contro la Juventus, ma filtra ottimismo adesso da Castel Volturno.

Sileri ha poi proseguito così: “Giocare al calcio è un lavoro che, come tutti, comporta dei rischi. Non ci potrà mai essere il rischio zero come sappiamo, ma il gioco del calcio prevede ovviamente un contatto fisico che pone un certo grado di rischio. I giocatori, scendendo in campo, hanno accettato questa eventualità. Ora bisognerebbe solo ridurre al massimo i rischi evitando contatti non necessari, come gli abbracci durante le esultanze”.

Leggi anche —-> Calciomercato Inter, Nainggolan chiamato da Godin: “Ama Cagliari”