Brianza, professore a processo per relazione con alunna 16enne

0
52

Un professore di lettere 60enne della Brianza è stato rinviato a giudizio dal Tribunale di Monza con l’accusa di atti sessuali con minori con abuso di potere

Brianza
Brianza

Un professore di lettere 60enne è stato rinviato a giudizio dal Tribunale di Monza con l’accusa di atti sessuali con minori. Ad aggravare la situazione l’abuso di potere derivante dalla sua posizione. L’uomo è colpevole per aver avuto una relazione con una sua studentessa di soli 16 anni conosciuta in classe a Lissone. L’avvicinamento tra i due sarebbe arrivato dopo un breve corteggiamento da parte del professore che avrebbe dichiarato anche di essersi innamorato, al punto da chiedere il divorzio alla moglie. Il punto di svolta in merito alla vicenda si è avuto quando un alunno ha immortalato un bacio nei corridoi tra i due, la foto è poi finita nelle mani della professoressa e della preside.

LEGGI ANCHE—> Shannen Doherty, il messaggio che allarma i fans

Brianza e la casa di riposo degli orrori, patteggiano tutti

Palermo casa

Due patteggiamenti ad un anno ed otto mesi ed altri due ad un anno e quattro mesi. Tutti avranno la sospensione condizionale della pena e non la menzione della condanna sul certificato penale. Sono state ammesse le due costituzioni di parte civile presentate dai familiari delle vittime. Questa la sentenza del gup del Tribunale di Monza in merito alla vicenda della casa di riposo degli orrori. La vicenda fu portata alla luce nell’estate del 2019 dopo una segnalazione della Fondazione Scola, insieme ai familiari, che gestisce la struttura. Con il patteggiamento, gli imputati hanno offerto ai familiari delle vittime del denaro come risarcimento danni.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, uno studio rivela: “Può causare ictus e disturbi neuropsicologici”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui