Coronavirus, Ricciardi: “La prima ondata non è mai finita”

0
44

Secondo l’esperto dell’Oms Walter Ricciardi la prima ondata di coronavirus non ha mai avuto termine. Lo ha affermato in un’intervista a Sky. 

Getty Images

La prima ondata non è mai finita, e l’incremento dei contagi da coronavirus a cui stiamo assistendo in queste settimane fa parte di questa. Ad affermarlo è Walter Ricciardi, membro esecutivo dell’Oms, in un’intervista rilasciata a Sky. L’esperto ha infatti spiegato che “È sempre la prima. Non c’è una seconda ondata perché l’azzeramento dei casi non è avvenuto e quindi ora, come abbiamo previsto, riparte. In realtà non è mai finita la prima, quello che abbiamo fatto è appiattire la curva epidemica ma non è mai stata azzerata. Quando ci sono state condizioni favorevoli, ovvero i comportamenti estivi, uniti ai primi freddi, la curva ha ripreso. La possiamo chiamare seconda perché corrisponde alla nuova stagione, ma la pandemia è sempre la tessa che in altre parti del mondo colpisce in maniera fortissima. Ii posti in terapia intensiva sono raddoppiati e sono oltre 10.000. Il problema sono le terapie subintensive e il rafforzamento di pronto soccorso con percorsi separati. Su questo il Paese è a macchia di leopardo e quando ci sarà la pressione dell’influenza le persone arriveranno in un unico flusso”. 

Leggi anche: Coronavirus Francia, ministra sicura: “Secondo lockdown? Non lo escludo”

De Simone: “Situazione grave in Campania, necessario indossare sempre mascherine”

Getty Images

Giovanni De Simone, responsabile di Medicina Interna alla Federico II ha rilasciato un’intervista al giornale La Repubblica in cui ha commentato il recente incremento dei casi di contagio in Campania e ha espresso alcune opinioni sulla reale utilità delle mascherine. Secondo lo scienziato la situazione nella sua regione va considerata grave in quanto i reparti di terapia intensiva del suo ospedale sono di nuovo pieni. Per questo, ora più che mai è fondamentali che le persone indossino la mascherina rispettando tutte le regole imposte dal governo per il contenimento del virus. Secondo De Simone infatti “le mascherine filtrando le goccioline di coronavirus presenti nell’aria diminuiscono la probabilità che l’infezione produca dei sintomi”.

Leggi anche: Coronavirus, Speranza: “Italia deve dare spazio anche ad altre patologie”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui