Covid-19, Guerra: “Escludo chiusure totali, situazione sotto controllo” 

Covid-19, Ranieri Guerra fa il punto della situazione ai microfoni del Corriere della Sera. Secondo l’esperto, in virtù di una situazione non grave rispetto ad altri Paesi, al momento è da escludere categoricamente una nuova chiusura totale. 

Covid

La curva epidemiologica sta lentamente risalendo, ma non c’è nessun pericolo concreto e nessun rischio di una nuova chiusura totale. Niente lockdown questa volta. Lo assicura Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Organizzazione mondiale della sanità e membro del comitato tecnico scientifico del governo, intervenuto ai microfoni del Corriere della Sera.

coronavirus mondo

Covid-19, Guerra esclude nuovi lockdown

“E’ tutto sotto controllo”, ha infatti assicurato l’esperto. Non ci sono state – aggiunge – esplosioni di casi, non si registrano reparti intasati e al momento il sistema di monitoraggio delle Autorità funziona. Tant’è che l’Italia, a differenza dei Paesi confinanti, è in una posizione di assoluto lusso e serenità sul fronte Covid-19.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus nel mondo, oltre un milione di vittime: i dati della crisi

E c’è un motivo preciso se la situazione è la seguente: “Gli italiani, a differenza di quanto si dice, sono molto disciplinati, a parte qualche episodio isolato di mancato rispetto delle regole. La gente ha capito che non si può scherzare. Inoltre il sistema di ricerca dei contatti è stato rafforzato con risorse umane e strumentali da ministero e regioni. Siamo il primo Paese per numero di tamponi effettuati, con una logistica molto efficace disposta dal commissario straordinario”. 

Ecco perché Guerra, malgrado la situazione sia da monitorare, si dice fiducioso. “Non credo proprio ci sia il rischio di chiusure totali, però gli italiani dovrebbero dare un’altra prova di collaborazione”, evidenzia lo scienziato. Nel frattempo sono diverse le regioni che hanno reintrodotto l’obbligo della mascherina all’aperto: “Tecnicamente all’aperto non servirebbe, a meno di non trovarsi in luoghi confinati e affollati. La variabile però sono i comportamenti individuali, e non mi sento di criticare un amministratore che, conoscendo i propri concittadini, sa come proteggerli. La mascherina ha anche un valore simbolico di allerta”.

Leggi anche —-> Spagna, Madrid pronta ad estendere lockdown: “Se lo fa tutto il Paese”